Baby Voice, la prima App per iPhone con cui potrai ascoltare il battito cardiaco del bimbo che porti in grembo. L'applicazione è scaricabile gratutitamente da iTunes grazie alla collaborazione di Sorgente
  
  

Sottoscrivi il nostro feed RSS per poter ricevere informazioni aggiornate sulle cellule staminali!

Hai dei dubbi o vorresti proporre un argomento? Contattaci cliccando qui. Il nostro staff sarà lieto di soddisfare le tue richieste.
domenica 10 dicembre 2017
  |   Accedi
Tutte le novità sulle cellule staminali del cordone ombelicale e la loro conservazione
Resta sempre aggiornato sulle novità dal mondo delle cellule staminali consultando periodicamente questa pagina o sottoscrivendo gratuitamente il feed rss che potrai anche includere nel tuo sito web.
News

Il trapianto di cellule del sangue del cordone ombelicale (UCBT) viene sempre più utilizzato per il trattamento delle leucemie acute. Le unità di UCB vengono scongelate e infuse nella loro interezza per il trapianto, precludendo un successivo utilizzo per l’immunoterapia con lo scopo di prevenire o trattare una eventuale recidiva leucemica.
Sumithira Vasu e colleghi hanno sviluppato un dispositivo che scongela in modo selettivo solo 1 mL di UCB, lasciando la restante unità di sangue crioconservata, così da poter eventualmente essere destinata ad un successivo trapiantato. 

Continua a leggere
Le cellule staminali del trofoblasto (TSC) nascono dalle prime decisioni del destino delle cellule embrionali e generano i lineage di cellule extra-embrionali, dando vita alla parte fetale della placenta. 
Cellule staminali embrionali di topo e cellule del lineage extra-embrionale sono rigorosamente separate da una barriera epigenetica ben distinta, conseguente ad espressione di fattori TSC determinanti in cellule staminali embrionali. 

Continua a leggere
Dopo il trapianto di cellule staminali allogeniche, i tessuti non ematopoietiche contengono cellule derivate dal donatore; tuttavia non è ancora chiarito se le cellule provenienti dalle malattie ematologiche maligne possano essere ritrovate anche in tessuti non ematopoietici.

Continua a leggere

La placenta, un organo transitorio umano, essenziale per il mantenimento della gravidanza e per la crescita e lo sviluppo fetale. Le cellule del trofoblasto e le cellule stromali sono le principali tipologie cellulari presenti nella placenta umana.
Le cellule del trofoblasto sono presenti in diversi sottotipi a seconda del loro stato differenziazione e della loro posizione spaziale e temporale durante la gravidanza. Le cellule stromali hanno origine dal mesenchima extra-embrionale e sono importanti per la formazione e il mantenimento dei villi. È interessante notare che molte malattie legate alla gravidanza sono associate a difetti nella differenziazione del trofoblasto e all'integrità dei villi. Pertanto, è fondamentale identificare in maniera specifica ogni tipo di cellule placentari utilizzando dei marcatori specifici.

Continua a leggere
Cellule dendritiche allogeniche (DCs) generate da donatori sani, con HLA compatibile completamente o parzialmente, sono state utilizzate in studi clinici. Una delle fonti di DCs allogeniche è sangue del cordone ombelicale (UCB). Tuttavia, per quanto riguarda le cellule del cordone, c'è la preoccupazione che le DCs generate da esse possano avere un minor potenziale nel provocare una adeguata risposta delle cellule T. Per questo, Jeetendra Kumar ha confrontato linfociti T citotossici (CTL) da DC CD11c+ da UCB rispetto a quelli dalla fonte convenzionale, cioè monociti da sangue periferico (PBL), utilizzando vari parametri.

Continua a leggere
Il sangue del cordone contiene elevato numero di cellule ematopoietiche che scompaiono dopo la nascita. In questo lavoro, Marina Podestà e colleghi hanno studiato le proprietà funzionali delle cellule progenitrici del sangue del cordone ombelicale raccolte da cordoni di neonati nati a termine e pretermine al fine di valutare l’eventuale esistenza di differenze quantitative e/o qualitative tra i due gruppi.

Continua a leggere
Le cellule staminali del cordone ombelicale umano (HUCBCs), rappresentano una fonte prolifica di cellule staminali non embrionali o adulte, con proprietà immunomodulatorie e neuroprotettrici efficaci e relativamente sicure, in grado di diminuire la compromissione comportamentale in modelli animali di malattia di Alzheimer (AD), morbo di Parkinson, sclerosi laterale, trauma cranico, lesioni del midollo spinale e ictus.

Continua a leggere

Nell’espansione in vitro, la capacità di replicazione e differenziazione delle cellule staminali mesenchimali (MSC) è variabile, aumentando sfide e rischi, e limitando il numero sufficiente di cellule staminali mesenchimali richieste per la terapia cellulare. Drenka Trivanović e il suo team hanno caratterizzato e confrontato la proliferazione, la differenziazione, la lunghezza dei telomeri e l'espressione di marcatori di pluripotenza in MSC da diversa provenienza.

Continua a leggere
L’obiettivo dello studio di Y.O. Mukhamedshinae colleghi è stato quello di  valutare il trattamento delle lesioni del midollo spinale tramite fattore neurotrofico derivato da cellule gliali (GDNF) fornito utilizzando un vettore adenovirale (ADV-GDNF) e valutare anche le differenze rispetto al trattamento eseguito utilizzando cellule umane mononucleate derivate da sangue del cordone ombelicale (UCB-MC) trasformate convettore adenovirale che porta il gene GDNF (UCB-MC + ADV-GDNF) in ratto.

Continua a leggere
Per valutare l'impatto della malattia minima residua (MRD) e della somministrazione di un inibitore delle tirosin-chinasi (TKI) sul trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche (allo-HCT) nella leucemia cromosoma Philadelphia-positiva (Ph+), Nishiwaki e colleghi hanno analizzato retrospettivamente i dati di 432 pazienti adulti LLA Ph+ in prima RC (CR1) che hanno ricevuto TKI pre-trapianto.

Continua a leggere
Subscribe
Pagina 9 di 41Primo   Precedente   4  5  6  7  8  [9]  10  11  12  13  Prossimo   Ultimo   

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Se non si modificano le impostazioni del browser e\o si prosegue con la navigazione, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo