Sottoscrivi il nostro feed RSS per poter ricevere informazioni aggiornate sulle cellule staminali!
 
Baby Voice, la prima App per iPhone con cui potrai ascoltare il battito cardiaco del bimbo che porti in grembo. L'applicazione è scaricabile gratutitamente da iTunes grazie alla collaborazione di Sorgente


Hai dei dubbi o vorresti proporre un argomento? Contattaci cliccando qui. Il nostro staff sarà lieto di soddisfare le tue richieste.
sabato 17 novembre 2018
  |   Accedi
News

Espansione di staminali cordonali e stabilità cromosomica

L'espansione ex vivo di cellule staminali è una strategia che potenzialmente consente di superare la scarsità di cellule presenti nel sangue cordonale.. È importante che venga determinata la qualità delle popolazioni di cellule espanse al fine di renderne possibile un utilizzo clinico. In questo studio sperimentale è stata valutata la stabilità genetica (analizzandone il cariotipo e il potenziale differenziativo) di cellule staminali da cordone ombelicale CD34+ espanse in vitro per 28 giorni. Sebbene siano state rilevate anomalie cromosomiche attorno al 14esimo giorno, tali anomalie raramente si sono mantenute fino al 28esimo. É interessante riportare che nessuno dei campioni che ha mostrato alterazioni cromosomiche ha dato luogo proliferazione neoaplastica. L'espansione ex vivo può quindi portare ad anomalie dell'assetto cromosomico ma esse non risultano ereditarie e in grado di determinare trasformazione oncogena.

Fonte: Cell Proliferation

L'espansione ex vivo di cellule staminali è una strategia che potenzialmente consente di superare la scarsità di cellule presenti nel sangue cordonale.. È importante che venga determinata la qualità delle popolazioni di cellule espanse al fine di renderne possibile un utilizzo clinico. In questo studio sperimentale è stata valutata la stabilità genetica (analizzandone il cariotipo e il potenziale differenziativo) di cellule staminali da cordone ombelicale CD34+ espanse in vitro per 28 giorni. Sebbene siano state rilevate anomalie cromosomiche attorno al 14esimo giorno, tali anomalie raramente si sono mantenute fino al 28esimo. É interessante riportare che nessuno dei campioni che ha mostrato alterazioni cromosomiche ha dato luogo proliferazione neoaplastica. L'espansione ex vivo può quindi portare ad anomalie dell'assetto cromosomico ma esse non risultano ereditarie e in grado di determinare trasformazione oncogena.

Fonte: Cell Proliferation

Print Bookmark and Share

Return to previous page

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Se non si modificano le impostazioni del browser e\o si prosegue con la navigazione, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo