Sottoscrivi il nostro feed RSS per poter ricevere informazioni aggiornate sulle cellule staminali!
 
Baby Voice, la prima App per iPhone con cui potrai ascoltare il battito cardiaco del bimbo che porti in grembo. L'applicazione è scaricabile gratutitamente da iTunes grazie alla collaborazione di Sorgente


Hai dei dubbi o vorresti proporre un argomento? Contattaci cliccando qui. Il nostro staff sarà lieto di soddisfare le tue richieste.
sabato 17 novembre 2018
  |   Accedi
News

Cellule T CD4+ da cordone ombelicale mostrano responso verso HSP60

Il mantenimento della tolleranza periferica può essere conseguente anche all'attività svolta da cellule T specifiche verso self-proteins come ad esempio HSP 60 (Heat Shock Protein 60).In questo studio, si è valutata l'eventuale presenza di tali cellule T nel sangue del cordone ombelicale.  In particolare, sono state poste in coltura con HSP60 e tossoide tetanico cellule mononucleate (CBMNCs) derivanti da 21 campioni di sangue cordonale. L'attività di cellule T indotte da HSP60 è stata valutata mediante test di soppressione in vitro. I risultati ottenuti mostrano che la stimolazione con HSP60 determina una proliferazione di linfociti CD4+, esprimenti FOXP3 ed in grado di sopprimere in vitro il responso di cellule T effettrici, nonché il rilascio di citochine come IL6, IL10 e IFN-gamma. 
In conclusione, secondo gli Autori, cellule T auto-reattive contro HSP60 sono presenti sin dalla nascita e potrebbero essere coinvolte nella regolazione del responso immunitario.

Fonte: Plos One
Il mantenimento della tolleranza periferica può essere conseguente anche all'attività svolta da cellule T specifiche verso self-proteins come ad esempio HSP 60 (Heat Shock Protein 60).In questo studio, si è valutata l'eventuale presenza di tali cellule T nel sangue del cordone ombelicale.  In particolare, sono state poste in coltura con HSP60 e tossoide tetanico cellule mononucleate (CBMNCs) derivanti da 21 campioni di sangue cordonale. L'attività di cellule T indotte da HSP60 è stata valutata mediante test di soppressione in vitro. I risultati ottenuti mostrano che la stimolazione con HSP60 determina una proliferazione di linfociti CD4+, esprimenti FOXP3 ed in grado di sopprimere in vitro il responso di cellule T effettrici, nonché il rilascio di citochine come IL6, IL10 e IFN-gamma. In conclusione, secondo gli Autori, cellule T auto-reattive contro HSP60 sono presenti sin dalla nascita e potrebbero essere coinvolte nella regolazione del responso immunitario.

Fonte: Plos One
Print Bookmark and Share

Return to previous page

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Se non si modificano le impostazioni del browser e\o si prosegue con la navigazione, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo