Sottoscrivi il nostro feed RSS per poter ricevere informazioni aggiornate sulle cellule staminali!
 
Baby Voice, la prima App per iPhone con cui potrai ascoltare il battito cardiaco del bimbo che porti in grembo. L'applicazione è scaricabile gratutitamente da iTunes grazie alla collaborazione di Sorgente


Hai dei dubbi o vorresti proporre un argomento? Contattaci cliccando qui. Il nostro staff sarà lieto di soddisfare le tue richieste.
martedì 25 giugno 2019
  |   Accedi
News

Esistono controindicazioni all’uso delle staminali cordonali?

Le principali controindicazioni che spesso vengono evidenziate in relazione all’uso delle cellule staminali cordonali sono relative alla loro criopreservazione ed alla possibile trasmissione da parte delle stesse di potenziali anomalie leucemiche o difetti genetici. Per quanto concerne la criopreservazione delle cellule staminali del cordone ombelicale, sino al 2003 si riteneva fosse possibile crioconservare tali cellule fino a 15 anni senza alterarne la vitalità (1). Un recente studio condotto da Broxmeyer et al, dimostra che è possibile criopreservare le cellule staminali cordonali per almeno 24 anni senza alterarne ne la vitalità ne la capacità proliferativa. In aggiunta, in un test sperimentale, cellule staminali cordonali umane conservate per oltre 20 anni hanno dimostrato la capacità di ripopolare il midollo osseo quando trapiantate in un modello murino e, di estrema importanza, le stesse cellule, raccolte dopo sei mesi dal trapianto, sono state in grado di ripopolare il midollo di un secondo animale (2). In merito alla possibile trasmissione di precursori leucemici, è chiaro che nel caso in cui un bambino sviluppi una forma leucemica, l’uso autologo delle cellule staminali da cordone ombelicale come mezzo terapeutico per la cura della forma leucemica non è possibile, cosi come non e’ possibile nemmeno l’uso di qualsiasi altro auto trapianto (es: midollo) in quanto qualsiasi staminale conterra’ verosimilmente progenitori leucemici. In relazione alla possibilità di trasmissione di difetti genetici, qual’ora il paziente risultasse ad esempio essere portatore di anomalie geniche relative al quadro ematologico

Le principali controindicazioni che spesso vengono evidenziate in relazione all’uso delle cellule staminali cordonali sono relative alla loro criopreservazione ed alla possibile trasmissione da parte delle stesse di potenziali anomalie leucemiche o difetti genetici. Per quanto concerne la criopreservazione delle cellule staminali del cordone ombelicale, sino al 2003 si riteneva fosse possibile crioconservare tali cellule fino a 15 anni senza alterarne la vitalità (1). Un recente studio condotto da Broxmeyer et al, dimostra che è possibile criopreservare le cellule staminali cordonali per almeno 24 anni senza alterarne ne la vitalità ne la capacità proliferativa. In aggiunta, in un test sperimentale, cellule staminali cordonali umane conservate per oltre 20 anni hanno dimostrato la capacità di ripopolare il midollo osseo quando trapiantate in un modello murino e, di estrema importanza, le stesse cellule, raccolte dopo sei mesi dal trapianto, sono state in grado di ripopolare il midollo di un secondo animale (2).

In merito alla possibile trasmissione di precursori leucemici, è chiaro che nel caso in cui un bambino sviluppi una forma leucemica, l’uso autologo delle cellule staminali da cordone ombelicale come mezzo terapeutico per la cura della forma leucemica non è possibile, cosi come non e’ possibile nemmeno l’uso di qualsiasi altro auto trapianto (es: midollo) in quanto qualsiasi staminale conterra’ verosimilmente progenitori leucemici. In relazione alla possibilità di trasmissione di difetti genetici, qual’ora il paziente risultasse ad esempio essere portatore di anomalie geniche relative al quadro ematologico (forme anemiche o alterazioni nel metabolismo dell’emoglobina), l’applicazione autologa non risulta consigliata come strategia terapeutica per tali malattie. Tuttavia, in una recentissima pubblicazione, tre pazienti in età pediatrica affetti da anemia aplastica severa, a seguito di immunosoppressione e infusione di staminali cordonali autologhe precedentemente criopreservate, hanno mostrato assenza di malattia per 37, 58 e 24 mesi. In quest’ultimo caso era comparsa una ricaduta a 17 mesi dal trapianto; situazione risolta mediante l’applicazione di un ulteriore trattamento immuno soppressivo (3).

  Scarica il documento in pdf

Bibliografia

1. Broxmeyer HE, Srour EF, Hangoc G, Cooper S, Anderson SA, Bodine DM: High-efficiency recovery of functional hematopoietic progenitor and stem cells from human cord blood cryopreserved for 15 years. Proc Natl Acad Sci U S A 100:645-650, 2003

2. Broxmeyer HE: Cord blood hematopoietic stem cell transplantation

In StemBook Community TSCR, Ed., May 26, 2010

3. Rosenthal J, Woolfrey AE, Pawlowska A, Thomas SH, Appelbaum F, Forman S: Hematopoietic cell transplantation with autologous cord blood in patients with severe aplastic anemia: An opportunity to revisit the controversy regarding cord blood banking for private use. Pediatr Blood Cancer

Print Bookmark and Share

Return to previous page

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Se non si modificano le impostazioni del browser e\o si prosegue con la navigazione, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo