Sottoscrivi il nostro feed RSS per poter ricevere informazioni aggiornate sulle cellule staminali!
 
Baby Voice, la prima App per iPhone con cui potrai ascoltare il battito cardiaco del bimbo che porti in grembo. L'applicazione è scaricabile gratutitamente da iTunes grazie alla collaborazione di Sorgente


Hai dei dubbi o vorresti proporre un argomento? Contattaci cliccando qui. Il nostro staff sarà lieto di soddisfare le tue richieste.
sabato 17 novembre 2018
  |   Accedi
News

Perdita di VSELs altamente rigenerative da cordone ombelicale e da midollo osseo durante processing

Le cellule staminali simil-embrionali (VSELs, Very Small Embryonic Like Stem cells) sono cellule pluripotenti dotate di un elevato potenziale rigenerativo. Tuttavia, tali cellule vengono probabilmente perse, a causa della loro piccola dimensione, durante le fasi di crioconservazione del sangue cordonale e di processamento del midollo osseo. In questo studio, tale affermazione è stata verificata sperimentalmente analizzando sia sangue da cordone ombelicale sia la frazione di globuli rossi (RBCs) scartata, dopo separazione delle cellule mononucleate, da midollo osseo umano. I risultati ottenuti, mostrano che le VSELs si depositano assieme alle RBCs durante la fase di separazione in gradiente di densità Ficol-Hypaque. Queste cellule, che risultano essere molto piccole (3-5 µm), esprimono Oct-4 (a livello nucleare). In aggiunta, mediante analisi immunoistochimiche, è stata rilevata in sezioni di tessuto cordonale (UCT) la presenza sia di VSELs esprimenti a livello nucleare Oct-4 nonchè di numerose cellule staminali mesenchimali simil-fibroblastoidi esprimenti Oct-4 a livello citoplasmatico. Complessivamente, le VSELs esprimenti Oct-4 a livello nucleare, potrebbero effettuare, durante la fase di autorinovamento, una divisione cellulare asimmetrica originando cellule staminali progenitrici. In conclusione, secondo gli Autori, è possibile ritenere che le vere cellule staminali nei tessuti adulti siano le VSELs, mentre le staminali ematopoietiche e mesenchimali sono da considerarsi come cellule progenitrici derivanti dalla divisione asimmetrica delle VSELs.
Fonte: Stem cells and development
Le cellule staminali simil-embrionali (VSELs, Very Small Embryonic Like Stem cells) sono cellule pluripotenti dotate di un elevato potenziale rigenerativo. Tuttavia, tali cellule vengono probabilmente perse, a causa della loro piccola dimensione, durante le fasi di crioconservazione del sangue cordonale e di processamento del midollo osseo. In questo studio, tale affermazione è stata verificata sperimentalmente analizzando sia sangue da cordone ombelicale sia la frazione di globuli rossi (RBCs) scartata, dopo separazione delle cellule mononucleate, da midollo osseo umano. I risultati ottenuti, mostrano che le VSELs si depositano assieme alle RBCs durante la fase di separazione in gradiente di densità Ficol-Hypaque. Queste cellule, che risultano essere molto piccole (3-5 µm), esprimono Oct-4 (a livello nucleare). In aggiunta, mediante analisi immunoistochimiche, è stata rilevata in sezioni di tessuto cordonale (UCT) la presenza sia di VSELs esprimenti a livello nucleare Oct-4 nonchè di numerose cellule staminali mesenchimali simil-fibroblastoidi esprimenti Oct-4 a livello citoplasmatico. Complessivamente, le VSELs esprimenti Oct-4 a livello nucleare, potrebbero effettuare, durante la fase di autorinovamento, una divisione cellulare asimmetrica originando cellule staminali progenitrici. In conclusione, secondo gli Autori, è possibile ritenere che le vere cellule staminali nei tessuti adulti siano le VSELs, mentre le staminali ematopoietiche e mesenchimali sono da considerarsi come cellule progenitrici derivanti dalla divisione asimmetrica delle VSELs.
Fonte: Stem cells and development
Print Bookmark and Share

Return to previous page

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Se non si modificano le impostazioni del browser e\o si prosegue con la navigazione, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo