Sottoscrivi il nostro feed RSS per poter ricevere informazioni aggiornate sulle cellule staminali!
 
Baby Voice, la prima App per iPhone con cui potrai ascoltare il battito cardiaco del bimbo che porti in grembo. L'applicazione è scaricabile gratutitamente da iTunes grazie alla collaborazione di Sorgente


Hai dei dubbi o vorresti proporre un argomento? Contattaci cliccando qui. Il nostro staff sarà lieto di soddisfare le tue richieste.
sabato 15 dicembre 2018
  |   Accedi
News

Cellule T attivate coniugate con anticorpi bispecifici mediano una azione citotossica contro CD20+

In questo studio è stato verificato se cellule-T anti-CD3-attivate (ATCs) ottenute da sangue del cordone ombelicale (CB) possono essere espanse ed utilizzate contro tumori solidi o malattie ematologiche, dopo infusione di CB eterologo, e se le ATCs  siano in grado di ridurre l’alloresponsività. Dopo essere state attivate con anti-CD3, cellule mononucleate del sangue cordonale  sono state espanse in vitro in presenza di interleuchina-2. Successivamente in CBATCs coniugate con anticorpi bispecifici (CBaATCs), ovvero anti-CD3 × anti-CD20 (CD20Bi) e anti-CD3 × anti-Her2 (Her2Bi), è stata valutata la citotossicità, la capacità di secrezione di citochine e l’alloresponsività. Le risultanze sperimentali mostrano che, dopo 14 giorni di coltura, CBATCs ottenute da sangue cordonale congelato e non, esibiscono un espansione di 37 volte. In aggiunta, le CBATCs  mostrano la massima citotossicità dopo 8-10 giorni dal trattamento. In particolare, CBATCs coniugate con Her2Bi hanno mostrato una citotossicità media pari  40%, mentre il medesimo valore per CBATCs coniugate con CD20Bi è risultato pari al 30%. Infine le CBaATCs si sono dimostrate in grado sdi sopprimere dal 20% al 50% la responsività ad alloantigeni quando confrontate con il responso indotto da cellule mononucleate da sangue periferico.

Fonte: Transfusion

In questo studio è stato verificato se cellule-T anti-CD3-attivate (ATCs) ottenute da sangue del cordone ombelicale (CB) possono essere espanse ed utilizzate contro tumori solidi o malattie ematologiche, dopo infusione di CB eterologo, e se le ATCs  siano in grado di ridurre l’alloresponsività. Dopo essere state attivate con anti-CD3, cellule mononucleate del sangue cordonale  sono state espanse in vitro in presenza di interleuchina-2. Successivamente in CBATCs coniugate con anticorpi bispecifici (CBaATCs), ovvero anti-CD3 × anti-CD20 (CD20Bi) e anti-CD3 × anti-Her2 (Her2Bi), è stata valutata la citotossicità, la capacità di secrezione di citochine e l’alloresponsività. Le risultanze sperimentali mostrano che, dopo 14 giorni di coltura, CBATCs ottenute da sangue cordonale congelato e non, esibiscono un espansione di 37 volte. In aggiunta, le CBATCs  mostrano la massima citotossicità dopo 8-10 giorni dal trattamento. In particolare, CBATCs coniugate con Her2Bi hanno mostrato una citotossicità media pari  40%, mentre il medesimo valore per CBATCs coniugate con CD20Bi è risultato pari al 30%. Infine le CBaATCs si sono dimostrate in grado sdi sopprimere dal 20% al 50% la responsività ad alloantigeni quando confrontate con il responso indotto da cellule mononucleate da sangue periferico.

Fonte: Transfusion

Print Bookmark and Share

Return to previous page

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Se non si modificano le impostazioni del browser e\o si prosegue con la navigazione, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo