Sottoscrivi il nostro feed RSS per poter ricevere informazioni aggiornate sulle cellule staminali!
 
Baby Voice, la prima App per iPhone con cui potrai ascoltare il battito cardiaco del bimbo che porti in grembo. L'applicazione è scaricabile gratutitamente da iTunes grazie alla collaborazione di Sorgente


Hai dei dubbi o vorresti proporre un argomento? Contattaci cliccando qui. Il nostro staff sarà lieto di soddisfare le tue richieste.
martedì 17 settembre 2019
  |   Accedi
News

CD34+ dal cordone e estradiolo contro ischemia

Cellule staminali CD34+ derivate dal sangue del cordone ombelicale umano sembrano essere in grado di mediare gli effetti terapeutici in modelli animali ictus. Gli estrogeni sono conosciuti per la protezione contro il danno ischemico. Il presente studio del gruppo di Tsong-Hai Lee ha voluto indagare se l'effetto protettivo delle cellule CD34+ contro il danno ischemico potesse essere rinforzato con un trattamento complementare all'estradiolo in femmine di ratto ovariectomizzate e hanno indagato il suo possibile meccanismo. 

Il primo esperimento è stato quello di determinare la tempistica ottimale del trattamento delle cellule CD34+ per l'effetto neuroprotettivo dopo 60 min dall'occlusione dell'arteria cerebrale media (MCAO). 
Il secondo esperimento è stato quello di valutare l'effetto adiuvante del 17β-estradiolo sulla neuroprotezione delle cellule CD34+ dopo MCAO. 
Il primo esperimento ha mostrato che infusione endovenosa con cellule CD34+ prima di MCAO (pre-trattamento) ha causato una minor area infartuata rispetto a quella formata quando le cellule sono state infuse dopo MCAO (post-trattamento).
Il secondo esperimento ha rivelato che le dimensioni delle are infartuate nel miocardio sono state significativamente ridotta dopo il pre-trattamento delle CD34+ con estradiolo. 
L'immunoreattività di c-Fos, c-Jun e GFAP è stata attenuato, e BDNF ha mostrato una significativa ripresa da 2 ore a 2 giorni dopo MCAO, soprattutto dopo il pretrattamento con CD34+ e estradiolo. 
Il presente studio suggerisce che pre-trattamento di cellule CD34+ con estradiolo potrebbe essere più protettivo contro il danno ischemico, e che ciò potrebbe avvenire attraverso la stabilizzazione dell'emodinamica cerebrale e la normalizzazione dell'espressione di geni controllati da BDNF.


Fonte: DOI: 10.1371 / journal.pone.0147133
Print Bookmark and Share

Return to previous page

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Se non si modificano le impostazioni del browser e\o si prosegue con la navigazione, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo