Sottoscrivi il nostro feed RSS per poter ricevere informazioni aggiornate sulle cellule staminali!
 
Baby Voice, la prima App per iPhone con cui potrai ascoltare il battito cardiaco del bimbo che porti in grembo. L'applicazione è scaricabile gratutitamente da iTunes grazie alla collaborazione di Sorgente


Hai dei dubbi o vorresti proporre un argomento? Contattaci cliccando qui. Il nostro staff sarà lieto di soddisfare le tue richieste.
sabato 15 dicembre 2018
  |   Accedi
News

Trapianto di staminali nel trattamento del diabete di tipo 1

Lo scopo dell'articolo di Jinquan Cai è stato quello di determinare la sicurezza e gli effetti sulla secrezione di insulina del trapianto di cellule mesenchimali stromali da cordone ombelicale (UC-MSC) e del trapianto autologo di cellule mononucleate di midollo osseo (ABM-MNC) senza immunoterapia in diabete di tipo 1 (T1D).

Lo scopo dell'articolo di Jinquan Cai è stato quello di determinare la sicurezza e gli effetti sulla secrezione di insulina del trapianto di cellule mesenchimali stromali da cordone ombelicale (UC-MSC) e del trapianto autologo di cellule mononucleate di midollo osseo (ABM-MNC) senza immunoterapia in diabete di tipo 1 (T1D).
Tra gennaio 2009 e dicembre 2010, 42 pazienti con diabete di tipo 1 sono stati sottoposti a uno trapianto di cellule staminali (1.1 × 10^6/kg UC-MSC, 106,8 × 10^6/kg ABM-MNC) o al trattamento standard di controllo. I pazienti sono stati seguiti per 1 anno a intervalli di 3 mesi. L'end point primario era ottenere il livello di C-peptide sotto la curva (AUCC-Pep) durante un test di tolleranza al glucosio orale a 1 anno. Endpoint supplementari erano valutare la sicurezza e la tollerabilità della procedura, effettuare un controllo metabolico, e misurare la qualità della vita.
Il trattamento è stato ben tollerato. A 1 anno, le misure metaboliche sono migliorate nei pazienti trattati: AUCC-Pep aumentato del 105,7% in 20 sui 21 responder, mentre è diminuito del 7,7% nei soggetti di controllo; il livello di insulina sotto la curva è aumentato del 49,3%, mentre è diminuito del 5,7% nei soggetti di controllo. I livelli di HbA1c sono diminuiti del 12,6% nel gruppo trattato, mentre sono aumentati dell'1,2% nel gruppo di controllo. La glicemia a digiuno è diminuita del 24,4% e del 4,3% nei soggetti di controllo. Il fabbisogno di insulina giornaliero è diminuito del 29,2% nel solo gruppo trattato.
In conclusione, il trapianto di UC-MSC e ABM-MNC è risultato un approccio sicuro e associato ad un miglioramento moderato di misure metabolici nei pazienti con diabete di tipo 1.


Fonte: doi: 10,2337 / dc15-0171
Print Bookmark and Share

Return to previous page

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Se non si modificano le impostazioni del browser e\o si prosegue con la navigazione, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo