Sottoscrivi il nostro feed RSS per poter ricevere informazioni aggiornate sulle cellule staminali!
 
Baby Voice, la prima App per iPhone con cui potrai ascoltare il battito cardiaco del bimbo che porti in grembo. L'applicazione è scaricabile gratutitamente da iTunes grazie alla collaborazione di Sorgente


Hai dei dubbi o vorresti proporre un argomento? Contattaci cliccando qui. Il nostro staff sarà lieto di soddisfare le tue richieste.
martedì 17 settembre 2019
  |   Accedi
News

Trattamento di linfomi a cellule T periferiche con cellule T ingegnerizzate e trapiantate

I linfomi a cellule T periferiche (PTCLs) sono tumori molto aggressivi e non sono state ancora messe a punto strategie di trattamento standardizzate efficaci anche in caso di recidive. Il trapianto di cellule T ingegnerizzate per esprimere recettori chimerici per l’antigene (CAR) è un nuovo approccio promettente approccio per il trattamento di tali neoplasie ematologiche. Tuttavia, i risultati degli studi preclinici sono ancora insufficienti.

I linfomi a cellule T periferiche (PTCLs) sono tumori molto aggressivi e non sono state ancora messe a punto strategie di trattamento standardizzate efficaci anche in caso di recidive. Il trapianto di cellule T ingegnerizzate per esprimere recettori chimerici per l’antigene (CAR) è un nuovo approccio promettente approccio per il trattamento di tali neoplasie ematologiche. Tuttavia, i risultati degli studi preclinici sono ancora insufficienti.

K. Pinz e colleghi hanno progettato CAR, CD4CAR, che reindirizza la specificità antigenica delle cellule T citotossiche CD8+ a le cellule CD4-esprimenti. Cellule CD4CAR T derivate da periferico cellule mononucleari del sangue umane e di sangue del cordone efficacemente reindirizzati specificità delle cellule T CD4 + contro cellule in vitro. Cellule T CD4CAR hanno efficientemente eliminato la linea cellulare leucemica CD4 + e PTCL CD4+ del paziente. In particolare, le cellule T CD4CAR hanno mantenuto la memoria simile a quella di una cellula staminala, così come hanno mantenuto il fenotipo (CD8 + CD45RO + CD62L +) sotto condizioni di coltura standard. Inoltre, in modelli aggressivi di linfoma a cellule T, le cellule T CD4CAR sono riuscite efficacemente a sopprimere la crescita delle cellule di linfoma, e anche a prolungare significativamente la sopravvivenza del topo modello. Dunque, questi studi dimostrano che cellule T CD8+ esprimenti CD4CAR sono efficaci nell’ablazione di popolazioni maligne CD4+, e che potrebbero potenzialmente essere utilizzate come un ponte strumento nel trapianto per la terapia dei linfomi a cellule T periferiche.

 

Fonte: doi: 10.1038 / leu.2015.311

Print Bookmark and Share

Return to previous page

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Se non si modificano le impostazioni del browser e\o si prosegue con la navigazione, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo