Sottoscrivi il nostro feed RSS per poter ricevere informazioni aggiornate sulle cellule staminali!
 
Baby Voice, la prima App per iPhone con cui potrai ascoltare il battito cardiaco del bimbo che porti in grembo. L'applicazione è scaricabile gratutitamente da iTunes grazie alla collaborazione di Sorgente


Hai dei dubbi o vorresti proporre un argomento? Contattaci cliccando qui. Il nostro staff sarà lieto di soddisfare le tue richieste.
martedì 25 giugno 2019
  |   Accedi
News

Adenovirus ricombinanti per co-esprimere fattori neuroprotettivi in cellule del cordone

Diversi disturbi neuro-degenerativi, come l’Alzheimer, il morbo di Parkinson e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono associati a mutazioni genetiche, e la sostituzione o l'interruzione delle sequenze difettose potrebbero offrire benefici terapeutici.
La terapia genica, single gene delivery per la co-espressione di più geni terapeutici, ha finora mancato lo scopo di ottenere miglioramenti clini significativi nell'uomo. La co-trasfezione usando due o più costrutti individuali potrebbe inavvertitamente tradursi in un aumento sproporzionato del prodotto genico nelle celle. Per evitare questo, e al fine di escludere l'interferenza tra molti promotori con varia intensità e per ottenere l’espressione di più proteine ​​in quantità equimolari, si potrebbe collegare open reading frames sotto il controllo di un solo promotore.

Diversi disturbi neuro-degenerativi, come l’Alzheimer, il morbo di Parkinson e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono associati a mutazioni genetiche, e la sostituzione o l'interruzione delle sequenze difettose potrebbero offrire benefici terapeutici.
La terapia genica, single gene delivery per la co-espressione di più geni terapeutici, ha finora mancato lo scopo di ottenere miglioramenti clini significativi nell'uomo. La co-trasfezione usando due o più costrutti individuali potrebbe inavvertitamente tradursi in un aumento sproporzionato del prodotto genico nelle celle. Per evitare questo, e al fine di escludere l'interferenza tra molti promotori con varia intensità e per ottenere l’espressione di più proteine ​​in quantità equimolari, si potrebbe collegare open reading frames sotto il controllo di un solo promotore.

È stato messo a punto un protocollo di trasfezione di cellule mononucleate del sangue del cordone ombelicale (hUCB-MC), utilizzando come vettori adenovirus co-esprimenti il fattore di crescita vascolare endoteliale (VEGF) e il fattore di crescita dei fibroblasti 2 (FGF2) interconnessi attraverso una sequenza di 2 aminoacidi (2A) di Picorna-virus.
La presenza di entrambi i fattori di crescita, nonché l'assenza di risposta immunitaria all’antigene 2A, è stata dimostrata dopo 28-52 giorni. Dopo l'iniezione di hUCB-MC in topi transgenici modello di SLA, è stato visto che la co-espressione di VEGF e FGF2, e le cellule xeno-trapiantati vitali, sono rimaste osservabili nel midollo spinale anche dopo 1 mese.

In conclusione, i risultati prodotti da questo studio di E.E.Garanina suggeriscono che vettori adenovirali ricombinanti contenenti sequenze a due amminoacidi per il link, potrebbero rappresentare una promettente alternativa in medicina rigenerativa per la consegna di molecole terapeutiche per il trattamento di malattie neurodegenerative, come la SLA.

 

Fonte: doi: 10.1038 / sc.2015.162

Print Bookmark and Share

Return to previous page

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Se non si modificano le impostazioni del browser e\o si prosegue con la navigazione, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo