Sottoscrivi il nostro feed RSS per poter ricevere informazioni aggiornate sulle cellule staminali!
 
Baby Voice, la prima App per iPhone con cui potrai ascoltare il battito cardiaco del bimbo che porti in grembo. L'applicazione è scaricabile gratutitamente da iTunes grazie alla collaborazione di Sorgente


Hai dei dubbi o vorresti proporre un argomento? Contattaci cliccando qui. Il nostro staff sarà lieto di soddisfare le tue richieste.
sabato 17 novembre 2018
  |   Accedi
News

Riprogrammazione nucleare per la conversione di trofoblasti in staminali

Cellule staminali pluripotenti indotte (iPSCs) vengono sottoposte a numerosi esperimenti di riprogrammazione nucleare e sono generalmente indistinguibili dalle cellule staminali embrionali (ESC) in qualità funzionale, trascrittoma e profili di metilazione del DNA. Tuttavia, la conversione diretta di cellule di un lineage all'altro produce spesso delle cellule funzionalmente compromesse, riprogrammate incompletamente, sollevando la questione se pluripotenza sia necessaria per ottenere un alto grado di riprogrammazione nucleare. 

Cellule staminali pluripotenti indotte (iPSCs) vengono sottoposte a numerosi esperimenti di riprogrammazione nucleare e sono generalmente indistinguibili dalle cellule staminali embrionali (ESC) in qualità funzionale, trascrittoma e profili di metilazione del DNA. Tuttavia, la conversione diretta di cellule di un lineage all'altro produce spesso delle cellule funzionalmente compromesse, riprogrammate incompletamente, sollevando la questione se pluripotenza sia necessaria per ottenere un alto grado di riprogrammazione nucleare. 

Similmente ad altre ricerche riportate recentemente, Hana Benchetrit e colleghi hanno dimostrato che l'espressione transitoria di GATA3, Eomes, e Tfap2c in fibroblasti di topo induce cellule staminali simili a trofosbasti transgene indipendenti e stabili (iTSCs). Le iTSCs possiedono profili di trascrizione altamente simile alle cellule del trofoblasto TSC derivate da blastocisti, con metilazione e acetilazione su tutto il genoma. Le iTSCs generano cellule del lineage trofoectodermico dopo stimolate per la differenziazione e contribuiscono allo sviluppo della placenta, che indica un alto grado di riprogrammazione nucleare, senza evidenza di passaggio attraverso uno stato pluripotente transitorio. Insieme, questi dati dimostrano che una vasta riprogrammazione nucleare può essere realizzata indipendentemente dalla pluripotenza.


Fonte: DOI: http://dx.doi.org/10.1016/j.stem.2015.08.006
Print Bookmark and Share

Return to previous page

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Se non si modificano le impostazioni del browser e\o si prosegue con la navigazione, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo