Sottoscrivi il nostro feed RSS per poter ricevere informazioni aggiornate sulle cellule staminali!
 
Baby Voice, la prima App per iPhone con cui potrai ascoltare il battito cardiaco del bimbo che porti in grembo. L'applicazione è scaricabile gratutitamente da iTunes grazie alla collaborazione di Sorgente


Hai dei dubbi o vorresti proporre un argomento? Contattaci cliccando qui. Il nostro staff sarà lieto di soddisfare le tue richieste.
sabato 17 novembre 2018
  |   Accedi
News

Precondizionamento con Treosulfan prima del trapianto di staminali ematopoietiche in bambini

I regimi di condizionamento mieloablativi standard per i bambini con neoplasie ematologiche sottoposti a trapianto allogenico si basano principalmente su irradiazione corporea totale o busulfan. I loro gravi effetti collaterali a breve e lungo termine spingono l'esplorazione di alternative meno tossiche.
Treosulfan è sempre più utilizzato per adulti e bambini prima del trapianto a causa dei suoi potenti effetti immunosoppressivi e citotossici in combinazione con bassa tossicità a livello d'organo.

I regimi di condizionamento mieloablativi standard per i bambini con neoplasie ematologiche sottoposti a trapianto allogenico si basano principalmente su irradiazione corporea totale o busulfan. I loro gravi effetti collaterali a breve e lungo termine spingono l'esplorazione di alternative meno tossiche. 
Treosulfan è sempre più utilizzato per adulti e bambini prima del trapianto a causa dei suoi potenti effetti immunosoppressivi e citotossici in combinazione con bassa tossicità a livello d'organo.

Per indagare ulteriormente il ruolo del condizionamento con Treosulfan in bambini, Heidrun Boztug e colleghi hanno eseguito un'analisi retrospettiva di 193 bambini affetti da varie neoplasie ematologiche (ALL n = 71, LMA n = 47, MDS/MPS n = 40, altre leucemie/linfomi n = 25) sottoposti a trapianto allogenico in seguito Treosulfan tra gennaio 2005 e luglio 2010.
All'inizio la tossicità correlata al regime è stata bassa e principalmente a livello gastrointestinale. La malattia veno-occlusiva e la tossicità neurologica sono stati rari. Non c'è stata alcuna associazione tra tossicità con tipo di malattia o con la dose Treosulfan.
Un alto livello di tossicità precoce non è risultata maggiore nei neonati o pazienti sottoposti ad un secondo o successivo trapianto. La mortalità correlata al trattamento è stata bassa, al 14%. La sopravvivenza livera da eventi a tre anni è stata del  del 45 ± 4% e non significativamente influenzata dal numero dei trapianti, ma sembrava essere significativamente migliore in neonati (P ​​= 0.022). Rispetto al Treosulfan più fludarabina, la combinazione di Treosulfan, fludarabina e un alchilante (sia thiotepa o melfalan) ha determinato un miglioramento della sopravvivenza globale (OS, P = 0.048) e una tendenza verso EFS migliori.

In conclusione il condizionamento basato su Treosulfan sembra essere un approccio sicuro ed efficace per i bambini con neoplasie ematologiche, anche e soprattutto per i bambini e quei pazienti sottoposti a secondo o successivo trapianto.

 

Fonte: DOI: 10.1002/pbc.25764

Print Bookmark and Share

Return to previous page

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Se non si modificano le impostazioni del browser e\o si prosegue con la navigazione, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo