Sottoscrivi il nostro feed RSS per poter ricevere informazioni aggiornate sulle cellule staminali!
 
Baby Voice, la prima App per iPhone con cui potrai ascoltare il battito cardiaco del bimbo che porti in grembo. L'applicazione è scaricabile gratutitamente da iTunes grazie alla collaborazione di Sorgente


Hai dei dubbi o vorresti proporre un argomento? Contattaci cliccando qui. Il nostro staff sarà lieto di soddisfare le tue richieste.
martedì 25 giugno 2019
  |   Accedi
News

Il range terapeutico del Busulfan dovrebbe essere ristretto in pediatria?

Il Busulfan, il principle farmaco utilizzato nei regimi di condizionamento per il trapianto di cellule staminali ematopoietiche, ha una finestra terapeutica ristretta. Il monitoraggio terapeutico (TDM) e il dosaggio guidato per raggiungere la giusta area sotto la curva concentrazione-tempo (AUC) di 900-1500 microMol min/L sono associati a risultati migliori.

Il Busulfan, il principle farmaco utilizzato nei regimi di condizionamento per il trapianto di cellule staminali ematopoietiche, ha una finestra terapeutica ristretta. Il monitoraggio terapeutico (TDM) e il dosaggio guidato per raggiungere la giusta area sotto la curva concentrazione-tempo (AUC) di 900-1500 microMol min/L sono associati a risultati migliori.

M. Philippe e colleghi hanno riportato le loro analisi del TDM del busulfan in un'ampia coorte di bambini. Gli obiettivi sono stati quelli di investigare l'importanza di utilizzare un range terapeutico più ristretto e di indagare l'associazione tra il range terapeutico del busulfan e il risultato clinico. Questo studio ha incluso 138 bambini che hanno ricevuto 16 dosi di busulfan per via endovenosa, con la prima dose assegnata in base al peso e le dosi rettificati per ottenere una AUC 980-1250 microMol min/L.

Il monitoraggio terapeutico TDM dell’azione del busulfan combinato con un aggiustamento della dose è stato associato ad una maggiore probabilità di raggiungere l’AUC auspicata. Il follow-up mediano è stato 56,2 mesi. La sopravvivenza libera da recidiva è stata del 88,5%, la sopravvivenza globale è stata del 91,5% e la malattia veno-occlusiva si è verificata nel 18,3% dei pazienti. Nessuna differenza è stata osservata nei risultati clinici a seconda del target di riferimento selezionato.
Il monitoraggio farmacocinetico e l’individualizzazione del dosaggio del busulfan sono risultati utili per raggiungere gli obiettivi.

 


Fonte: doi: 10.1038 / bmt.2015.218
Print Bookmark and Share

Return to previous page

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Se non si modificano le impostazioni del browser e\o si prosegue con la navigazione, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo