Sottoscrivi il nostro feed RSS per poter ricevere informazioni aggiornate sulle cellule staminali!
 
Baby Voice, la prima App per iPhone con cui potrai ascoltare il battito cardiaco del bimbo che porti in grembo. L'applicazione è scaricabile gratutitamente da iTunes grazie alla collaborazione di Sorgente


Hai dei dubbi o vorresti proporre un argomento? Contattaci cliccando qui. Il nostro staff sarà lieto di soddisfare le tue richieste.
sabato 17 novembre 2018
  |   Accedi
News

Ricerca della dose cellulare per singola unità di trapianto in adulti con neoplasie ad alto rischio

Il sangue del cordone ombelicale (UCB) come fonte di trapianto allogenico è generalmente limitato dalle unità con pre-crioconservazione delle cellule nucleate totali (TNC) a dosi maggiori o uguali a 2.5 × 107 NC/kg.
U. Sobol e colleghi hanno studiato prospetticamente singoli trapianti di UCB, con unità di cordone a partire da 1×107NC/kg elaborati con albumina destrano. 104 pazienti, di cui l’84% con malattia recidiva/refrattaria, sono stati trapiantati. 

Il sangue del cordone ombelicale (UCB) come fonte di trapianto allogenico è generalmente limitato dalle unità con pre-crioconservazione delle cellule nucleate totali (TNC) a dosi maggiori o uguali a 2.5 × 107 NC/kg.
U. Sobol e colleghi hanno studiato prospetticamente singoli trapianti di UCB, con unità di cordone a partire da 1×107NC/kg elaborati con albumina destrano. 104 pazienti, di cui l’84% con malattia recidiva/refrattaria, sono stati trapiantati. 

La dose mediana delle TNC è stata di 2,1 × 107NC/kg  e la mediana di CD34+ è stata di 1.0 ×105/kg (range: 0,0-3,7×105/kg). Il recupero cellulare post-manipolazione e la vitalità sono stati del 96% e 99%, rispettivamente. I tempi mediani per l’attecchimento di neutrofili e di piastrine sono stati 16 e 43 giorni, rispettivamente. La sopravvivenza globale al 100-giorno e all’anno sono state del 70% e il 46%, rispettivamente. Il trapianto du una singola unità di UCB utilizzando piccole unità ha portato ad attecchimento favorevole e a risultati accettabili in pazienti con prognosi sfavorevoli.
La dose di CD34+ maggiore o uguale a 1.5×105 /kg aiuta a prevedere l'attecchimento più veloce e può aiutare nella scelta del trapianto.

 

Fonte: doi: 10.1038 / bmt.2015.194

Print Bookmark and Share

Return to previous page

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Se non si modificano le impostazioni del browser e\o si prosegue con la navigazione, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo