Sottoscrivi il nostro feed RSS per poter ricevere informazioni aggiornate sulle cellule staminali!
 
Baby Voice, la prima App per iPhone con cui potrai ascoltare il battito cardiaco del bimbo che porti in grembo. L'applicazione è scaricabile gratutitamente da iTunes grazie alla collaborazione di Sorgente


Hai dei dubbi o vorresti proporre un argomento? Contattaci cliccando qui. Il nostro staff sarà lieto di soddisfare le tue richieste.
sabato 15 dicembre 2018
  |   Accedi
News

Co-somministrazione di mesenchimali cordonali e aspirina per l’ictus

L’ictus ischemico è un insulto cerebrale acuto che induce cambiamenti drammatici nei neuroni. Il trattamento dell’ictus cerebrale è uno dei principali temi di  ricerca in ambito neurologico. 
Lo scopo di questo studio di Ali Shams e colleghi, è stato quello di valutare il potenziale protettivo di staminali mesenchimali del cordone ombelicale (hUCMs) impiantate con o senza aspirina (ASA) contro l’ischemia cerebrale focale.

L’ictus ischemico è un insulto cerebrale acuto che induce cambiamenti drammatici nei neuroni. Il trattamento dell’ictus cerebrale è uno dei principali temi di  ricerca in ambito neurologico. 
Lo scopo di questo studio di Ali Shams e colleghi, è stato quello di valutare il potenziale protettivo di staminali mesenchimali del cordone ombelicale (hUCMs) impiantate con o senza aspirina (ASA) contro l’ischemia cerebrale focale.

La migrazione e la distribuzione delle cellule PKH26 marcate, sono state valutate dopo il trapianto. 
Dopo il giorno 10 di occlusione transitoria, è stato valutato l'effetto di ASA e delle hUCMs sul recupero dell’apprendimento e della memoria nei ratti, tramite Morris water maze. In seguito, gli animali sono stati sacrificati, e la zona infartuata del cervello è stata valutata utilizzando le colorazioni con 2, 3, 5-trifeniltetrazolio cloruro e ematossilina ed eosina.
Il recupero dell’apprendimento e della memoria negli animali ischemici che ha ricevuto le cellule hUCM e ASA è risultato migliorato significativamente rispetto agli animali non trattati. Cellule PKH26 marcate erano rilevabili nella zona ischemica in sezioni di tessuto cerebrale. La colorazione con 2,3,5-trifeniltetrazolio cloruro e gli esami istologici hanno mostrato che il trattamento con le cellule hUCM e ASA potrebbe alterare in modo significativo l'area ischemica.

In conclusione, i risultati di questo studio suggeriscono che le cellule hUCM e ASA possono far fronte a cambiamenti degenerativi indotte da ictus artificiale nel ratto. Anche l'apprendimento e la memoria risultano pertanto meno pronunciati rispetto agli animali ischemici. 
Tuttavia, la somministrazione concomitante di ASA e cellule hUCM non sembra però apportate risultati particolarmente superiori rispetto alla somministrazione di ASA e hUCM rispettivamente da soli.

Fonte: DOI: http://dx.doi.org/10.1016/j.jstrokecerebrovasdis.2015.04.049

Print Bookmark and Share

Return to previous page

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Se non si modificano le impostazioni del browser e\o si prosegue con la navigazione, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo