Sottoscrivi il nostro feed RSS per poter ricevere informazioni aggiornate sulle cellule staminali!
 
Baby Voice, la prima App per iPhone con cui potrai ascoltare il battito cardiaco del bimbo che porti in grembo. L'applicazione è scaricabile gratutitamente da iTunes grazie alla collaborazione di Sorgente


Hai dei dubbi o vorresti proporre un argomento? Contattaci cliccando qui. Il nostro staff sarà lieto di soddisfare le tue richieste.
sabato 15 dicembre 2018
  |   Accedi
News

Impatto della fonte di staminali ematopoietiche nel trapianto

In assenza di presenza di un donatore compatibile, relazionato o non (MUD), donatori non corrispondenti (MMUD) e sangue del cordone non correlato (UCB) sono considerati fonte di donazione di staminali idonee, con simile sopravvivenza globale post-trapianto. 

In assenza di presenza di un donatore compatibile, relazionato o non (MUD), donatori non corrispondenti (MMUD) e sangue del cordone non correlato (UCB) sono considerati fonte di donazione di staminali idonee, con simile sopravvivenza globale post-trapianto. 
Nella maggior parte degli studi di confronto retrospettivi,  la tipizzazione HLA di donatori adulti è stata effettuata a 8 loci. 

Lo scopo di questo studio di Clémence Granier, è stato quello di confrontare i risultati dei pazienti trapiantati con UCB (N = 64) con quelli trapiantati da 9/10 HLA MMUD (N = 84) o 10/10-HLA MUD (N = 196).

All'analisi multivariata, UCB è stato associato con minor insorgenza di GvHD acuta di grado  grado II-IV rispetto ai MUD (aHR 1,97, 95% CI 1:19-03:27, p = 0,009) e MMUD (aHR 1,79, 95% CI 1: 02 a 3:15, p = 0,042), mentre l'incidenza cumulativa di GVHD cronica non è stata significativamente differente tra i tre gruppi. La sopravvivenza globale (OS), il tasso di recidiva e la mortalità non per recidiva non sono risultati differenti tra trapiantati MMUD e UCB. Fattori che incidono sull’OS sono stati il sierostato CMV ​​donatore/ricevente (Donatore - / Ricevente +, aHR + 1,76, 95% CI 1:23-02:52, p = 0,002 Rispetto D -/ R-), la combinazione del genere del donatore/ricevente e rischio della malattia (aHR 1:58, 1:05-02:38 95% CI, p = 0.027 per alta vs. malattia a basso rischio).

In conclusione, i dati confermano che UCB e 9/10 HLA MMUD sono entrambe importanti opzioni alternative quando non si dispone di un donatore HLA 10/10. LA combinaizone tra lo stato sierologico del donatore verso il ricevente ha un impatto significativo sulla sopravvivenza e può essere presa in considerazione, insieme al tipo di donatore, nella cornice di trapianti MMUD e UCB.

Fonte: DOI: 10.1002 / ajh.24112

Print Bookmark and Share

Return to previous page

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Se non si modificano le impostazioni del browser e\o si prosegue con la navigazione, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo