Sottoscrivi il nostro feed RSS per poter ricevere informazioni aggiornate sulle cellule staminali!
 
Baby Voice, la prima App per iPhone con cui potrai ascoltare il battito cardiaco del bimbo che porti in grembo. L'applicazione è scaricabile gratutitamente da iTunes grazie alla collaborazione di Sorgente


Hai dei dubbi o vorresti proporre un argomento? Contattaci cliccando qui. Il nostro staff sarà lieto di soddisfare le tue richieste.
martedì 22 gennaio 2019
  |   Accedi
News

Conversione di cellule del sangue in staminali neuronali

L'applicabilità clinica del cambiamento del destino delle cellule sarebbe notevole. Permetterebbe infatti di ricavare dal tessuto di pazienti, cellule diverse da quelle di partenza e tali campioni sarebbero facili da raccogliere, e manipolare per la riprogrammazione. 
Jong-Hee Lee  e colleghi hanno generato cellule neuronali progenitrici indotte (iNPCs) a partire da sangue periferico neonatale e adulto tramite un solo fattore, OCT4.

L'applicabilità clinica del cambiamento del destino delle cellule sarebbe notevole. Permetterebbe infatti di ricavare dal tessuto di pazienti, cellule diverse da quelle di partenza e tali campioni sarebbero facili da raccogliere, e manipolare per la riprogrammazione. 
Jong-Hee Lee  e colleghi hanno generato cellule neuronali progenitrici indotte (iNPCs) a partire da sangue periferico neonatale e adulto tramite un solo fattore, OCT4.

A differenza dei fibroblasti, che condividono caratteristiche molecolari con le cellule della cresta neurale, la riprogrammazione tramite OCT4 di cellule del sangue è stata facilitata dall’inibizione di SMAD+GSK-3.
Le iNPCs derivati e dal sangue si differenziano in vivo e rispondono agli stimoli per la differenziazione guidata in vitro, differenziandosi in glia (astrociti e oligodendrociti) e altri sottotipi neuronali, tra cui cellule dopaminergiche e neuroni nocicettivi .

Tale studio fornisce dunque un approccio di facile accesso per la generazione di NPC umane con ampie potenzialità di sviluppo, permettendo lo studio di malattie clinicamente rilevanti.



Fonte: 
DOI: http://dx.doi.org/10.1016/j.celrep.2015.04.056    

Print Bookmark and Share

Return to previous page

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Se non si modificano le impostazioni del browser e\o si prosegue con la navigazione, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo