Sottoscrivi il nostro feed RSS per poter ricevere informazioni aggiornate sulle cellule staminali!
 
Baby Voice, la prima App per iPhone con cui potrai ascoltare il battito cardiaco del bimbo che porti in grembo. L'applicazione è scaricabile gratutitamente da iTunes grazie alla collaborazione di Sorgente


Hai dei dubbi o vorresti proporre un argomento? Contattaci cliccando qui. Il nostro staff sarà lieto di soddisfare le tue richieste.
sabato 17 novembre 2018
  |   Accedi
News

Caratterizzazione di nuove cellule staminali embrionali nel cordone ombelicale umano

Piccole cellule staminali embrionali (VSELs), sono cellule primitive, immature, e possono essere trovate negli adulti e nei tessuti fetali. 
Il presente studio di A. Shaikh descrive la strategia per ottenere l’arricchimento e la caratterizzazione molecolare e fenotipica delle VSELs del sangue del cordone ombelicale umano.

Piccole cellule staminali embrionali (VSELs), sono cellule primitive, immature, e possono essere trovate negli adulti e nei tessuti fetali. 
Il presente studio di A. Shaikh descrive la strategia per ottenere l’arricchimento e la caratterizzazione molecolare e fenotipica delle VSELs del sangue del cordone ombelicale umano

Analisi di citometria a flusso hanno rivelato che la maggioranza delle VSELs (LIN- / CD45- / CD34 +) erano presenti nel pellet di globuli rossi (RBC) dopo centrifugazione Ficoll-Hypaque, in contrasto con le cellule staminali ematopoietiche (LIN- / CD45 + / CD34 +) che si ritrovano nella fase central a seguito della separazione con Ficoll.
A seguito della lisi dei globuli rossi, VSELs sono state arricchite utilizzando anticorpi CD133 e SSEA4. Queste cellule arricchite erano di piccole dimensioni (4-6 micron), sferiche, con alta attività della telomerasi e esprimevano marker tipici delle cellule staminali pluripotenti (OCT4A, OCT4, SSEA4, Nanog, Sox2, REX1), delle cellule germinali primordiali (STELLA, fragilis), e delle cellule progenitrici ematopoietiche (CD133, CD34). L'eterogeneità che è stata notata tra le VSELs si basa su sottili differenze nella espressione dei diversi marcatori studiati. L'analisi del DNA e gli studi del ciclo cellulare hanno rivelato che la maggior parte delle VSELs erano diploide, non apoptotiche e si trovavano in fase G0 / G1, confermando nil loro stato di “riposo”. 

Dunque, tale studio fornisce un ulteriore sostegno all’esistenza di staminali pluripotenti, diploidi e relativamente quiescenti nel sangue del cordone e suggerisce un'ulteriore esplorazione di tale sotto-popolazione.


Fonte: 10.1038 / leu.2015.100

Print Bookmark and Share

Return to previous page

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Se non si modificano le impostazioni del browser e\o si prosegue con la navigazione, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo