Sottoscrivi il nostro feed RSS per poter ricevere informazioni aggiornate sulle cellule staminali!
 
Baby Voice, la prima App per iPhone con cui potrai ascoltare il battito cardiaco del bimbo che porti in grembo. L'applicazione è scaricabile gratutitamente da iTunes grazie alla collaborazione di Sorgente


Hai dei dubbi o vorresti proporre un argomento? Contattaci cliccando qui. Il nostro staff sarà lieto di soddisfare le tue richieste.
martedì 25 giugno 2019
  |   Accedi
News

L’etichettatura con DTPA e PKH26 influenza le caratteristiche delle staminali?

Lo scopo di questo studio condotto da Hanlin Shuai e colleghi, è stato quello di determinare  se la doppia marcatura di cellule staminali mesenchimali del cordone ombelicale umano (hUCMSCs) con gadolinium-diethylene triamine penta-acetic acid (Gd-DTPA) e PKH26, utilizzati per “segnare” le cellule in ricerca, influenzi o no le loro caratteristiche biologiche.

Lo scopo di questo studio condotto da Hanlin Shuai e colleghi, è stato quello di determinare  se la doppia marcatura di cellule staminali mesenchimali del cordone ombelicale umano (hUCMSCs) con gadolinium-diethylene triamine penta-acetic acid (Gd-DTPA) e PKH26, utilizzati per “segnare” le cellule in ricerca, influenzi o no le loro caratteristiche biologiche.

Una metodica di aderenza al tessuto è stato testata ed utilizzata per separare e purificare le hUCMSCs; analisi di citometria a flusso sono state effettuate per individuare i marcatori di superficie espressi. Gd-DTPA e PKH26 sono stati usati per etichettare le cellule staminali; risonanza magnetica e microscopia a fluorescenza sono stati impiegati per rilevare le hUCMSCs doppiamente marcate. Un saggio MTT è stato usato per disegnare la curva di crescita. Microscopia elettronica a trasmissione (TEM) e microscopia a forza atomica sono stati usati per dimostrare le caratteristiche ultrastrutturali delle hUCMSCs.

Le analisi di citometria a flusso hanno mostrato che hUCMSCs esprimevano altamente CD29, CD90, CD44 e CD105. Non è stata rilevata alcun espressione di CD31, CD34 e CD45. È stata rilevata bassa espressione di HLA-DR e CD40.
La microscopia a forza atomica ha mostrato che queste cellule erano lunghe, a forma di fuso, e con citoplasma e nucleo con confini chiari.
Dopo la doppia marcatura, l’analisi TEM ha mostrato particelle Gd aggregate nel citoplasma in cluster.
L'attività di proliferazione, ciclo cellulare, apoptosi e la differenziazione delle cellule staminali non sono stati influenzati dalla doppia etichettatura.

Concludendo, la tecnica sfruttante l'aderenza al tessuto è utile per separare e purificare efficacemente le hUCMSCs; inoltre Gd-DTPA e PKH26 sono promettenti traccianti nelle indagini della migrazione e distribuzione di hUCMSCs in vivo e non ne alterano le proprietà.


Fonte: DOI: 10.1111/iep.12111

Print Bookmark and Share

Return to previous page

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Se non si modificano le impostazioni del browser e\o si prosegue con la navigazione, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo