Sottoscrivi il nostro feed RSS per poter ricevere informazioni aggiornate sulle cellule staminali!
 
Baby Voice, la prima App per iPhone con cui potrai ascoltare il battito cardiaco del bimbo che porti in grembo. L'applicazione è scaricabile gratutitamente da iTunes grazie alla collaborazione di Sorgente


Hai dei dubbi o vorresti proporre un argomento? Contattaci cliccando qui. Il nostro staff sarà lieto di soddisfare le tue richieste.
sabato 21 settembre 2019
  |   Accedi
News

Come generare eritrociti per studiare P.Vivax

La predilezione di Plasmodium Vivax (P. Vivax) per i reticolociti è un ostacolo importante per la sua costituzione in un sistema di coltura a lungo termine, in quanto richiede un approvvigionamento continuo di grandi quantità di reticolociti, che rappresentano solo l'1-2% dei globuli rossi circolanti.


La predilezione di Plasmodium Vivax (P. Vivax) per i reticolociti è un ostacolo importante per la sua costituzione in un sistema di coltura a lungo termine, in quanto richiede un approvvigionamento continuo di grandi quantità di reticolociti, che rappresentano solo l'1-2% dei globuli rossi circolanti.

Florian Noulin e il suo gruppo hanno messo a confronto la produzione di reticolociti usandofondati sistemi di coltura in vitro da tre diverse fonti di cellule staminali/progenitrici ematopoietiche (HSPC), vale a dire il sangue del cordone ombelicale (UCB), il midollo osseo (BM) e il sangue periferico adulto (PB).

Rispetto a PB e BM arricchiti in popolazioni CD34+, tali popolazioni in UCB hanno prodotto un maggior numero di reticolociti che potrebbero essere invase da P. Vivax così da poterlo studiare. Inoltre, quando le cellule CD34 + sono state espanse, un ulteriore ampio aumento di reticolociti è stato osservato per UCB, e in misura minore BM ma non PB. Inoltre l’invasione da P. vivax è stata significativamente migliore nei reticolociti generati in vitro, ed dunque è anche suggerito che P. Vivax potrebbe avere una preferenza ad invadere reticolociti immaturi, ma ciò dovrebbe essere confermato in studi futuri.


Fonte: PlosOne DOI: 10.1371/journal.pone.0112496

Print Bookmark and Share

Return to previous page

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Se non si modificano le impostazioni del browser e\o si prosegue con la navigazione, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo