Sottoscrivi il nostro feed RSS per poter ricevere informazioni aggiornate sulle cellule staminali!
 
Baby Voice, la prima App per iPhone con cui potrai ascoltare il battito cardiaco del bimbo che porti in grembo. L'applicazione è scaricabile gratutitamente da iTunes grazie alla collaborazione di Sorgente


Hai dei dubbi o vorresti proporre un argomento? Contattaci cliccando qui. Il nostro staff sarà lieto di soddisfare le tue richieste.
sabato 17 novembre 2018
  |   Accedi
News

Differenziazione di Staminali Mesenchimali in cellule simil-neuronali e oligodendrogliali

Le cellule staminali mesenchimali (MSC) sono viste come cellule staminali adulte sicure, prontamente disponibili e promettenti da punto di vista terapeutico; sono attualmente utilizzate in diversi studi clinici. Inoltre, le loro capacità di secrezione di fattori solubili e di differenziazione verso più lineage cellulari, pongono le MSC in prima linea tra i diversi tipi di cellule staminali per future auspicabili applicazioni cliniche

Le cellule staminali mesenchimali (MSC) sono viste come cellule staminali adulte sicure, prontamente disponibili e promettenti da punto di vista terapeutico; sono attualmente utilizzate in diversi studi clinici. Inoltre, le loro capacità di secrezione di fattori solubili e di differenziazione verso più lineage cellulari, pongono le MSC in prima linea tra i diversi tipi di cellule staminali per future auspicabili applicazioni cliniche.
Nel presente lavoro di Cristiana Leite, cellule staminali mesenchimali sono state isolate dalla matrice del cordone ombelicale ombelicale umano. Le cellule sono state caratterizzate e risultate completamente positive ai marker di staminalità MSC, che comprendono basso tempo di rigenerazione in vitro, alta attività proliferativa e capacità di generazione di Fibroblast-CFU (CFU-F), immunofenotipo MSC-tipico e capacità di differenziare in senso osteogenico, condrogenico e adipogenico.

Le cellule sono state sottoposte ad un protocollo di differenziazione graduale orientato  in senso oligodendrogliale per testare la loro capacità di differenziazione in cellule simili neuronali e oligodendrogliali. I risultati hanno confermato la plasticità in senso neurale delle MSC e suggerisce che le cellule presentano un fenotipo oligodendrogliale simile in tutto il protocollo di differenziazione, e che, in molti aspetti , hanno caratteristiche comuni a quelle delle cellule precursori degli oligodendrociti e oligodendrociti differenziati.



PLoS ONE DOI: 10.1371 / journal.pone.0111059

Print Bookmark and Share

Return to previous page

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Se non si modificano le impostazioni del browser e\o si prosegue con la navigazione, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo