Sottoscrivi il nostro feed RSS per poter ricevere informazioni aggiornate sulle cellule staminali!
 
Baby Voice, la prima App per iPhone con cui potrai ascoltare il battito cardiaco del bimbo che porti in grembo. L'applicazione è scaricabile gratutitamente da iTunes grazie alla collaborazione di Sorgente


Hai dei dubbi o vorresti proporre un argomento? Contattaci cliccando qui. Il nostro staff sarà lieto di soddisfare le tue richieste.
sabato 21 settembre 2019
  |   Accedi
News

HLA non corrispondente: incidenza, fattori di rischio e outcome delle ricadute leucemiche

La perdita genomica di HLA non corrispondenti è un meccanismo con cui la leucemia sfugge al Sistema Immunitario che è stato recentemente descritto, inoltre implica recidive dopo trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche (HSCT). 

La perdita genomica di HLA non corrispondenti è un meccanismo con cui la leucemia sfugge al Sistema Immunitario che è stato recentemente descritto, inoltre implica recidive dopo trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche (HSCT). 
Il gruppo di Crucitti ha valutato l'incidenza, i fattori di rischio, e il risultato in 233 trapianti consecutivi con donator HLA-non corrispondenti sia relazionati con il paziente che indipendenti (MMRD e MMUD, rispettivamente). 
Hanno documentato 84 recidive, di cui 23 con la perdita di HLA. 
Tutte le ricadute con perdita di HLA si sono verificate dopo trapianto  MMRD, e in 20 su 23 pazienti con leucemia mieloide acuta. Sul trapianto MMRD, le varianti di perdita di HLA rappresentano il 33% delle recidive (23 su 69), e si verificano più tardi rispetto ai loro omologhi 'classici' (mediana: 307 vs 88 giorni, p <0,0001). Lo stato di malattia attiva al momento del trapianto aumenta il rischio di perdita HLA (HR: 10.16, CI: 2,65-38,92, p = 0,001), mentre l'età avanzata dei pazienti sembra avere un ruolo protettivo (HR: 0,16, CI: 0,05-0,46, P = 0,001). Una più debole associazione con la perdita di HLA è stata osservata per la dose di cellule T in trapianto e per la presenza di malattia cronica graft-versus-host. 
Il risultato a seguito  delle “classiche” ricadute o quelle con perdita HLA è ugualmente scarso; in secondo luogo il trapianto da un donatore diverso sembra fornire un leggero vantaggio per la sopravvivenza. 
In conclusione, la perdita di HLA è un meccanismo frequente di evasione delle cellule T dall’alloreattività e la percentuale ricaduta in pazienti con neoplasie di origine mieloide trapiantati da MMRDs, giustificano lo screening di routine.


Leukemia doi: 10.1038/leu.2014.314

Print Bookmark and Share

Return to previous page

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Se non si modificano le impostazioni del browser e\o si prosegue con la navigazione, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo