Sottoscrivi il nostro feed RSS per poter ricevere informazioni aggiornate sulle cellule staminali!
 
Baby Voice, la prima App per iPhone con cui potrai ascoltare il battito cardiaco del bimbo che porti in grembo. L'applicazione è scaricabile gratutitamente da iTunes grazie alla collaborazione di Sorgente


Hai dei dubbi o vorresti proporre un argomento? Contattaci cliccando qui. Il nostro staff sarà lieto di soddisfare le tue richieste.
martedì 25 giugno 2019
  |   Accedi
News

Infezioni fungine e virali dopo trapianto allogenico: migliorare i risultati nel tempo

Il sangue del cordone ombelicale (CB) è sempre più utilizzato come fonte alternativa di cellule staminali nel trapianto allogenico. Anche se gli studi riportati mostrano dei risultati complessivi simili comparando i trapianti di midollo osseo (BM)/sangue periferico(PB) con quelli di sangue cordonale, gli studi comparativi incentrati sulla presenza infezioni gravi e di infezioni-RM (IRM) con lungo follow-up sono ancora scarsi.

Il sangue del cordone ombelicale (CB) è sempre più utilizzato come fonte alternativa di cellule staminali nel trapianto allogenico. Anche se gli studi riportati mostrano dei risultati complessivi simili comparando i trapianti di midollo osseo (BM)/sangue periferico(PB) con quelli di sangue cordonale, gli studi comparativi incentrati sulla presenza infezioni gravi e di infezioni-RM (IRM) con lungo follow-up sono ancora scarsi.

Un totale di 434 trapianti allogenici consecutivi (tra gli anni 1997-2009) sono stati analizzati retrospettivamente dal gruppo di R.Parodia, per confrontare il risultato complessivo, l’incidenza e fattori di rischio di infezioni fungine invasive e infezioni virali gravi in CB (n = 65) verso destinatari di trapianto di cellule da BM/PB (n = 369).
Il tasso di Overall survival a 5 anni è stato calcolato di 38 verso 43%, rispettivamente (p = 0.2). Il trapianto di sangue del cordone ombelicale (CBT) è stato associato ad un più alto rischio di aspergillosi invasiva (incidenza cumulativa a 100-giorni: 16 vs 6%, p = 0,04) e di infezione da Citomegalovirus.
Non sono state trovate differenze significative per quanto riguarda NRM (NRM del 38% in CB vs 37% in BM/PB a 1 anno), né IRM (30% vs 27% CB in BM / PB a 1 anno). Nella popolazione generale, NRM e IRM sono molto migliorati recentemente.
Negli adulti che ricevono un singolo CBT, il rischio di infezioni gravi è aumentato rispetto ai destinatari di trapianto di BM/PB, ma nonostante questo la mortalità da infezioni risulta comunque simile, con conseguente NMR analogo e, infine, tasso sopravvivenza simile.

Fonte: Bone Marrow Transplant. 2014 Oct 27. doi: 10.1038/bmt.2014.229.

Print Bookmark and Share

Return to previous page

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Se non si modificano le impostazioni del browser e\o si prosegue con la navigazione, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo