Sottoscrivi il nostro feed RSS per poter ricevere informazioni aggiornate sulle cellule staminali!
 
Baby Voice, la prima App per iPhone con cui potrai ascoltare il battito cardiaco del bimbo che porti in grembo. L'applicazione è scaricabile gratutitamente da iTunes grazie alla collaborazione di Sorgente


Hai dei dubbi o vorresti proporre un argomento? Contattaci cliccando qui. Il nostro staff sarà lieto di soddisfare le tue richieste.
sabato 17 novembre 2018
  |   Accedi
News

Induzione di cellule dopaminergiche da staminali mesenchimali del cordone ombelicale

Il tasso di successo dei precedenti tentativi di trasformare cellule staminali mesenchimali umane (HUMSCs), isolate da sangue del cordone ombelicale e dalla gelatina di Wharton, in cellule dopaminergiche, era un mero 12,7%. Il presente studio condotto da Yu-Show Fu e il suo gruppo di ricerca ha cercato di istituire una procedura più efficace per ottenere una migliore resa di trasformazione in cellule dopaminergiche per una terapia per il Parkinson a base HUMSCs. 

Il tasso di successo dei precedenti tentativi di trasformare cellule staminali mesenchimali umane (HUMSCs), isolate da sangue del cordone ombelicale e dalla gelatina di Wharton, in cellule dopaminergiche, era un mero 12,7%. Il presente studio condotto da Yu-Show Fu e il suo gruppo di ricerca ha cercato di istituire una procedura più efficace per ottenere una migliore resa di trasformazione in cellule dopaminergiche per una terapia per il Parkinson a base HUMSCs.  Per esaminare, in vitro, gli effetti dell’over-espressione di Nurr1 su differenziamento di HUMSCs, le cellule sono state trattate con il protocollo di differenziazione in tre fasi. La capacità di tali cellule di sintetizzare e rilasciare dopamina è stata misurata mediante HPLC. Gli effetti terapeutici di HUMSCs Nurr1-over-esprimenti sono stati esaminati in ratti trattati con 6-idrossidopamina, tramite quantificazione delle rotazioni in risposta ad anfetamine. L’over-espressione di Nurr1 in HUMSCs, promuove in vitro la trasformazione in cellule dopaminergiche, tramite una coltura graduale in media condizionato per neuroni con sonic hedgehog e fibroblast growth factor-8 (FGF-8). Il tasso di successo è di circa il 71%, ed è stato determinato con saggi immunoistochimici per la tirosina idrossilasi, e anche con misurazione mediante HPLC della dopamina ( sia intracellulare che nel terreno), risultata di circa 94 nM. Inoltre, il trapianto di queste cellule nello striato di ratti hemiparkinsoniani è stato visto portare ad un miglioramento dei loro deficit comportamentali, come indicato dai punteggi di rotazione evocati dal trattamento con anfetamine. La vitalità delle cellule trapiantate è durata per almeno tre mesi, ed è stata accertata mediante colorazione per la tirosina idrossilasi. Nurr1, FGF8, Shh e NCM possono sinergicamente migliorare la differenziazione delle HUMSCs in cellule dopaminergiche, e possono aprire la strada a trattamenti per la malattia di Parkinson basati su HUMSCs.

Fonte: Cell Transplantation. http://dx.doi.org/10.3727/096368914X685078


Print Bookmark and Share

Return to previous page

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Se non si modificano le impostazioni del browser e\o si prosegue con la navigazione, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo