Sottoscrivi il nostro feed RSS per poter ricevere informazioni aggiornate sulle cellule staminali!
 
Baby Voice, la prima App per iPhone con cui potrai ascoltare il battito cardiaco del bimbo che porti in grembo. L'applicazione è scaricabile gratutitamente da iTunes grazie alla collaborazione di Sorgente


Hai dei dubbi o vorresti proporre un argomento? Contattaci cliccando qui. Il nostro staff sarà lieto di soddisfare le tue richieste.
sabato 15 dicembre 2018
  |   Accedi
News

Gamma-secretasi nella soppressione di tossicità di NK mediata da MSC derivate da Cordone

Cellule staminali Mesenchimali (MSC) sono considerate sempre più spesso da utilizzarsi come immunosoppressori biologici in trapianto di cellule staminali ematopoietiche (HSCT). Nella fase precoce di ricostituzione dopo il trapianto, le cellule natural killer (NK) rappresentano la popolazione più numerosa di linfociti nel sangue e sono responsabili degli effetti causati dalla graft-vs-leucemia (GVL). Le interazioni funzionali tra cellule NK e MSC hanno il potenziale di influenzare il tasso di recidive leucemiche dopo il trapianto. Fino a oggi, gli studi di interazione tra cellule MSC-NK sono in gran parte concentrate su MSC derivate da midollo osseo (BM)-MSCs. 

Cellule staminali Mesenchimali (MSC) sono considerate sempre più spesso da utilizzarsi come immunosoppressori biologici in trapianto di cellule staminali ematopoietiche (HSCT). Nella fase precoce di ricostituzione dopo il trapianto, le cellule natural killer (NK) rappresentano la popolazione più numerosa di linfociti nel sangue e sono responsabili degli effetti causati dalla graft-vs-leucemia (GVL). Le interazioni funzionali tra cellule NK e MSC hanno il potenziale di influenzare il tasso di recidive leucemiche dopo il trapianto. Fino a oggi, gli studi di interazione tra cellule MSC-NK sono in gran parte concentrate su MSC derivate da midollo osseo (BM)-MSCs. Cellule staminali mesenchimali derivate dal cordone ombelicale ​​(UC)-MSCs potrebbero essere una fonte alternativa di cellule staminali mesenchimali a scopi terapeutici. Il gruppo di ricerca di Roland Jacobs, ha appunto studiato l'interazione UC-MSC con NK allogeniche non stimolate. UC-MSC potrebbero potentemente sopprimere la citotossicità indotta dalle cellule NK in colture cellulari overnight attraverso i fattori solubili. Il proncipale fattore solubile immunosoppressore identificato è risultato essere la prostaglandina (PG)-E2.  Il rilascio massimo di PGE2 coinvolge il priming delle MSC con IL1 dopo stretto contatto tra le cellule NK e UC-MSC. È interessante notare che, bloccando l'attivazione della gamma-secretasi viene alleviato l’effetto immunosoppressorio controllando la produzione di PGE2. Il recettore dell’ IL-1 e la via di signalling a valle è stata dunque vista  richiedere l’attività gamma-secretasica. Sebbene il ruolo di PGE2 in cellule NK-MSC è stato riportato e dimostrato, il requisito di contatto cellula-cellula per l’immunosoppressione indotta da PGE2 è rimasta inspiegabile. I risultati fanno dunque luce su questo fatto e identificano nuovi giocatori nel crosstalk NK-MSC.

Fonte: Cell Commun Signal. 2014 Sep 30;12(1):63.

Print Bookmark and Share

Return to previous page

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Se non si modificano le impostazioni del browser e\o si prosegue con la navigazione, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo