Sottoscrivi il nostro feed RSS per poter ricevere informazioni aggiornate sulle cellule staminali!
 
Baby Voice, la prima App per iPhone con cui potrai ascoltare il battito cardiaco del bimbo che porti in grembo. L'applicazione è scaricabile gratutitamente da iTunes grazie alla collaborazione di Sorgente


Hai dei dubbi o vorresti proporre un argomento? Contattaci cliccando qui. Il nostro staff sarà lieto di soddisfare le tue richieste.
martedì 25 giugno 2019
  |   Accedi
News

Miglioramento delle tecniche di isolamento di MSCs dal Cordone Ombelicale

Il cordone ombelicale (UC) è una delle principali fonti di cellule staminali mesenchimali (MSCs). Il metodo di espianto più comune per isolare MSCs UC-derivate ​​(UC-MSCs) prevede di dividere il cordone ombelicale in piccoli frammenti, che sono poi fatti aderire al fondo di una Petri da cui le cellule staminali mesenchimali migrano. Tuttavia, i frammenti frequentemente tendono a staccarsi dal fondo della Petri e “galleggiare”, riducendo così il tasso di recupero delle MSCs. Per superare questo problema, il gruppo di ricerca di Nagamura-Inoue T. ha perfezionato un metodo di espianto per l'isolamento di UC-MSC.

Il cordone ombelicale (UC) è una delle principali fonti di cellule staminali mesenchimali (MSCs). Il metodo di espianto più comune per isolare MSCs UC-derivate ​​(UC-MSCs) prevede di dividere il cordone ombelicale in piccoli frammenti, che sono poi fatti aderire al fondo di una Petri da cui le cellule staminali mesenchimali migrano. Tuttavia, i frammenti frequentemente tendono a staccarsi dal fondo della Petri e “galleggiare”, riducendo così il tasso di recupero delle MSCs. Per superare questo problema, il gruppo di ricerca di Nagamura-Inoue T. ha perfezionato un metodo di espianto per l'isolamento di UC-MSC. Tale metodo implica l'uso di un materiali a maglia di acciaio inossidabile (Cellamigo®; Tsubakimoto Chain Co.; Giappone) che serve a proteggere i tessuti da questo distaccamento, dopo che i frammenti sono stati allineati a intervalli regolari in Petri di coltura. Dopo l’espianto e la semina, il terreno di coltura è stato cambiato ogni 3 giorni; le cellule aderenti e frammenti di tessuto sono stati raccolti tramite trattamento con tripsina. Il numero di UC-MSCs isolate da 1g di UC, quando le cellule hanno raggiunto 80-90% di confluenza, utilizzando il metodo di espianto Cellamigo® è stato 2.9 ± 1.4 × 106/g, numero significativamente superiore a quello ottenuta senza Cellamigo® (0.66 ± 0.53 × 106 / g) (n = 6, P <0,01). Inoltre, i tempi di lavorazione e d’incubazione necessaria per raggiungere l’80-90% di confluenza sono stati minori nel metodo espianto migliorato rispetto al metodo convenzionale. Le UC-MSCs isolate utilizzando Cellamigo® sono risultate positive per CD105, CD73, CD90 ed esprimenti HLA di classe I, mentre sono risultate negative per CD45 e per  l’espressione HLA di classe II. Le UC-MSC isolate inibiscono efficientemente le cellule T indotte da cellule dendritiche allogeniche in una reazione linfocitaria mista. In conclusione, è stato dimostrato che l'uso del Cellamigo® migliora i metodi di espianto per l’isolamento delle UC-MSCs.

Fonte: Tissue Eng Part C Methods. 2014 Sep 13.

Print Bookmark and Share

Return to previous page

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Se non si modificano le impostazioni del browser e\o si prosegue con la navigazione, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo