Sottoscrivi il nostro feed RSS per poter ricevere informazioni aggiornate sulle cellule staminali!
 
Baby Voice, la prima App per iPhone con cui potrai ascoltare il battito cardiaco del bimbo che porti in grembo. L'applicazione è scaricabile gratutitamente da iTunes grazie alla collaborazione di Sorgente


Hai dei dubbi o vorresti proporre un argomento? Contattaci cliccando qui. Il nostro staff sarà lieto di soddisfare le tue richieste.
sabato 15 dicembre 2018
  |   Accedi
News

Staminali cordonali vs Metodo Stamina: Certezze scientifiche e aspetti controversi

Se leggendo “cellule staminali del cordone ombelicale” il vostro pensiero va immediatamente al controverso Metodo Stamina è il caso di fare un po’ di chiarezza.

Lo scopo di questo articolo è duplice: da un lato ribadire l’importanza della conservazione delle cellule staminali del cordone ombelicale di un neonato e dall’altro differenziare in modo evidente tale pratica con l’ormai famoso (ma altrettanto ambiguo) Metodo Stamina.

Se la prima pratica è universalmente riconosciuta e viene ormai attuata a livello internazionale a seguito di rigorosi controlli medici e certezze scientifiche ormai acquisite, il Metodo Stamina resta molto discusso.

Ideato dallo psicologo Davide Vannoni, esso è stato progettato per rispondere alle esigenze di pazienti affetti da patologie neurologiche e prevede l’infusione di cellule neuronali ottenute dalla manipolazione di cellule staminali adulte. Tale pratica, oltre ad essere molto recente è altrettanto incerta e porta con sé numerose problematiche scientifiche e legali.

Se leggendo “cellule staminali del cordone ombelicale” il vostro pensiero va immediatamente al controverso Metodo Stamina è il caso di fare un po’ di chiarezza.

Lo scopo di questo articolo è duplice: da un lato ribadire l’importanza della conservazione delle cellule staminali del cordone ombelicale di un neonato e dall’altro differenziare in modo evidente tale pratica con l’ormai famoso (ma altrettanto ambiguo) Metodo Stamina.

Se la prima pratica è universalmente riconosciuta e viene ormai attuata a livello internazionale a seguito di rigorosi controlli medici e certezze scientifiche ormai acquisite, il Metodo Stamina resta molto discusso.

Ideato dallo psicologo Davide Vannoni, esso è stato progettato per rispondere alle esigenze di pazienti affetti da patologie neurologiche e prevede l’infusione di cellule neuronali ottenute dalla manipolazione di cellule staminali adulte. Tale pratica, oltre ad essere molto recente è altrettanto incerta e porta con sé numerose problematiche scientifiche e legali.

La conservazione e l’impiego terapeutico delle cellule staminali del cordone ombelicale invece sono ormai confermati come pratiche sicure da oltre venticinque anni, e in particolare dal 1988, anno del primo trapianto.

Aspetti scientifici

Fino ad oggi le staminali del cordone ombelicale sono state utilizzate in oltre 30 mila trapianti. Numero importante, raggiunto a seguito di rigorosi studi scientifici, pubblicazioni di autorevoli ricercatori in tutto il mondo e centinaia di sperimentazioni.

Tali risultati non sono per nulla paragonabili al Metodo Stamina, che non ha percorso le stesse tappe ed è passato rapidamente all’applicazione diretta sull’uomo: nessuna pubblicazione scientifica e gravi omissioni e carenze lungo l’intera procedura che hanno acceso la preoccupazione degli scienziati.

Tali differenze, spingono ad affermare che ad oggi, il Metodo Stamina non può essere considerato né sicuro né efficace, caratteristiche che invece sono proprie dei trapianti di cellule staminali del cordone ombelicale.

Aspetti legali

E per quanto riguarda gli aspetti legali? Anche in questo caso non mancano le differenze.

Mentre i trapianti di staminali cordonali sono riconosciuti e autorizzati dalla legge dei più sviluppati Paesi europei (non da ultima l’Italia, il cui Ministero della Salute ne ha decretato l’efficacia per la cura di oltre 80 patologie), l’applicazione del Metodo Stamina è sottoposta all’autorizzazione giudiziaria.

Da un lato troviamo dunque un diritto sancito dalla comunità europea (quello di conservare privatamente le staminali del cordone ombelicale), dall’altro invece un Metodo per il quale il suo ideatore, il Dottor Davide Vannoni, è indagato per tentata truffa, esercizio abusivo della professione medica e somministrazione di farmaci potenzialmente pericolosi. Non da ultima c’è da ricordare la cancellazione della onlus da lui fondata (denominata appunto “Stamina Foundation”) dall'anagrafe delle onlus per alcune violazioni interne al suo statuto e per mancanza di personalità giuridica.

Tutto ciò dimostra le profonde divergenze esistenti tra l’impiego in medicina delle staminali cordonali e l’applicazione del Metodo Stamina.

Per chi volesse approfondire l’utilità delle staminali del cordone ombelicale, rimandiamo al nostro sito www.sorgente.com.

Print Bookmark and Share

Return to previous page

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Se non si modificano le impostazioni del browser e\o si prosegue con la navigazione, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo