Sottoscrivi il nostro feed RSS per poter ricevere informazioni aggiornate sulle cellule staminali!
 
Baby Voice, la prima App per iPhone con cui potrai ascoltare il battito cardiaco del bimbo che porti in grembo. L'applicazione è scaricabile gratutitamente da iTunes grazie alla collaborazione di Sorgente


Hai dei dubbi o vorresti proporre un argomento? Contattaci cliccando qui. Il nostro staff sarà lieto di soddisfare le tue richieste.
sabato 17 novembre 2018
  |   Accedi
News

Il chimerismo precoce predice la dominanza di unità in caso di doppio trapianto di sangue cordonale

A seguito del doppio trapianto di sangue del cordone ombelicale, nella maggior parte dei pazienti si osserva una dominanza nel promuovere l’ematopoiesi da parte di una unità di sangue sull’altra. I meccanismi alla base di questa dominanza non sono tuttavia completamente chiariti. In questo studio clinico, analizzando settimanalmente il chimerismo che si manifestava tra sangue cordonale infuso e sangue periferico di 34 pazienti sottoposti a doppio trapianto di sangue cordonale, è stato osservato che l’unità che a sette giorni dal trapianto esibiva un maggior attecchimento (CD3+) diveniva successivamente l’unità dominante nella maggior parte dei casi. Similmente, un elevato livello di chimerismo delle cellule CD33+ del donatore è risultato anch’esso essere correlato con la dominanza di una unità sull’altra. Variabili quali ordine di infusione delle unità, vitalità cellulare, numero di cellule infuse e compatibilità HLA sono risultate essere non correlate alla dominanza. (continua).

A seguito del doppio trapianto di sangue del cordone ombelicale, nella maggior parte dei pazienti si osserva una dominanza nel promuovere l’ematopoiesi da parte di una unità di sangue sull’altra. I meccanismi alla base di questa dominanza non sono tuttavia completamente chiariti. In questo studio clinico, analizzando settimanalmente il chimerismo che si manifestava tra sangue cordonale infuso e sangue periferico di 34 pazienti sottoposti a doppio trapianto di sangue cordonale, è stato osservato che l’unità che a sette giorni dal trapianto esibiva un maggior attecchimento (CD3+) diveniva successivamente l’unità dominante nella maggior parte dei casi. Similmente, un elevato livello di chimerismo delle cellule CD33+ del donatore è risultato anch’esso essere correlato con la dominanza di una unità sull’altra. Variabili quali ordine di infusione delle unità, vitalità cellulare, numero di cellule infuse e compatibilità HLA sono risultate essere non correlate alla dominanza. La correlazione tra il precoce chimerismo delle cellule CD3+ del donatore con il sangue periferico del paziente, suggerisce che la dominanza di una unità è conseguente ad un responso immunomediato. In conclusione i risultati ottenuti possono essere tenuti in considerazione nello sviluppo di nuove strategie di manipolazione/infusione del sangue cordonale.

Fonte: Biology of bone and marrow transplantation
Print Bookmark and Share

Return to previous page

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Se non si modificano le impostazioni del browser e\o si prosegue con la navigazione, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo