Sottoscrivi il nostro feed RSS per poter ricevere informazioni aggiornate sulle cellule staminali!
 
Baby Voice, la prima App per iPhone con cui potrai ascoltare il battito cardiaco del bimbo che porti in grembo. L'applicazione è scaricabile gratutitamente da iTunes grazie alla collaborazione di Sorgente


Hai dei dubbi o vorresti proporre un argomento? Contattaci cliccando qui. Il nostro staff sarà lieto di soddisfare le tue richieste.
martedì 25 giugno 2019
  |   Accedi
News

Trapianto di staminali cordonali di origine porcina in un modello murino di morbo di Parkinson

In questo studio sperimentale è stata confrontata la capacità proliferativa e differenziativa (in senso osteocitario, adipogenico e neuronale) di staminali mesenchimali di origine porcina ottenute o dalla matrice del cordone ombelicale (pUCM-MSCs) o da midollo osseo (pBM-MSCs). In aggiunta, è stato valutato il potenziale terapeutico di pUCM-MSCs in un modello murino di Parkinson. Tra i due tipi cellulari presi in esame, sono state rilevate differenze nell’espressione di markers di superficie e citoplasmatici evidenziando, per le pUCM-MSCs un profilo meno immunogenico rispetto alla pBM-MSCs. In vitro pBM-MSCs hanno esibito una forte tendenza a differenziare in adipociti ed osteociti mentre le pUCM-MSC hanno mostrato un grande potenziale nel differenziare in cellule simil-neuronali mature ed immature. pUCM-MSCs, quando trapaintate nella substantia nigra di un modello murino di morbo di Parkinson, hanno determinato un miglioramento dell’attività motoria. In particolare, dopo il trattamento, nel sito di trapianto è stata rilevata l’espressione di nestina, tirosin-idrossilasi, fattore di crescita neuronale (NGF), fattore di crescita dell’endotelio vascolare (VEGF) ed interleuchina 6. Come riportato dagli Autori, gli esiti ottenuti indicano un potenziale impiego terapeutico di UCM-MSCs nell’ambito del morbo di Parkinson.

Fonte: Journal of tissue engineering and regenerative medicine

In questo studio sperimentale è stata confrontata la capacità proliferativa e differenziativa (in senso osteocitario, adipogenico e neuronale) di staminali mesenchimali di origine porcina ottenute o dalla matrice del cordone ombelicale (pUCM-MSCs) o da midollo osseo (pBM-MSCs). In aggiunta, è stato valutato il potenziale terapeutico di pUCM-MSCs in un modello murino di Parkinson. Tra i due tipi cellulari presi in esame, sono state rilevate differenze nell’espressione di markers di superficie e citoplasmatici evidenziando, per le pUCM-MSCs un profilo meno immunogenico rispetto alla pBM-MSCs. In vitro pBM-MSCs hanno esibito una forte tendenza a differenziare in adipociti ed osteociti mentre le pUCM-MSC hanno mostrato un grande potenziale nel differenziare in cellule simil-neuronali mature ed immature. pUCM-MSCs, quando trapaintate nella substantia nigra di un modello murino di morbo di Parkinson, hanno determinato un miglioramento dell’attività motoria. In particolare, dopo il trattamento, nel sito di trapianto è stata rilevata l’espressione di nestina, tirosin-idrossilasi, fattore di crescita neuronale (NGF), fattore di crescita dell’endotelio vascolare (VEGF) ed interleuchina 6. Come riportato dagli Autori, gli esiti ottenuti indicano un potenziale impiego terapeutico di UCM-MSCs nell’ambito del morbo di Parkinson.

Fonte: Journal of tissue engineering and regenerative medicine

Print Bookmark and Share

Return to previous page

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Se non si modificano le impostazioni del browser e\o si prosegue con la navigazione, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo