Sottoscrivi il nostro feed RSS per poter ricevere informazioni aggiornate sulle cellule staminali!
 
Baby Voice, la prima App per iPhone con cui potrai ascoltare il battito cardiaco del bimbo che porti in grembo. L'applicazione è scaricabile gratutitamente da iTunes grazie alla collaborazione di Sorgente


Hai dei dubbi o vorresti proporre un argomento? Contattaci cliccando qui. Il nostro staff sarà lieto di soddisfare le tue richieste.
sabato 15 dicembre 2018
  |   Accedi
News

Trapianto allogenico di sangue cordonale e midollo osseo in pazienti con leucemia: confronto

Nel presente studio clinico retrospettivo, sono stati confrontati gli esiti clinici derivanti dal trapianto allogenico di una singola unità di sangue cordonale in 351 pazienti affetti da leucemia e dal trapianto di midollo osseo da donatore non familiare in 1028 pazienti, sofferenti della medesima patologia. L'infusione di unità di sangue cordonali con mismatched HLA fino a due loci, ha mostrato similarità con il tasso di mortalità osservato a seguito di trapianto di midollo osseo con singolo mismatch HLA-DRB1. Il trapianto di sangue cordonale ha inoltre determinato, rispetto all'infusione di midollo osseo con singolo mismatch, un minor recupero di neutrofili, un minor rischio di sviluppo della forma acuta della malattia del trapianto contro l'ospite "GvHD", e un minor rischio di mortalità correlata al trapianto, mentre non sono state rilevate differenze relativamente al rischio di ricaduta. Complessivamente, l'infusione di sangue da cordone ombelicale con un mismatch da zero a due antigeni, risulta essere una possibile alternativa  per il trattamento di pazienti affetti da leucemia, capace di dare risultati simili, in termini di sopravvivenza, a quanto ottenuto con l'infusione di midollo osseo con mismatch di un singolo locus.

Nel presente studio clinico retrospettivo, sono stati confrontati gli esiti clinici derivanti dal trapianto allogenico di una singola unità di sangue cordonale in 351 pazienti affetti da leucemia e dal trapianto di midollo osseo da donatore non familiare in 1028 pazienti, sofferenti della medesima patologia. L'infusione di unità di sangue cordonali con mismatched HLA fino a due loci, ha mostrato similarità con il tasso di mortalità osservato a seguito di trapianto di midollo osseo con singolo mismatch HLA-DRB1. Il trapianto di sangue cordonale ha inoltre determinato, rispetto all'infusione di midollo osseo con singolo mismatch, un minor recupero di neutrofili, un minor rischio di sviluppo della forma acuta della malattia del trapianto contro l'ospite "GvHD", e un minor rischio di mortalità correlata al trapianto, mentre non sono state rilevate differenze relativamente al rischio di ricaduta. Complessivamente, l'infusione di sangue da cordone ombelicale con un mismatch da zero a due antigeni, risulta essere una possibile alternativa  per il trattamento di pazienti affetti da leucemia, capace di dare risultati simili, in termini di sopravvivenza, a quanto ottenuto con l'infusione di midollo osseo con mismatch di un singolo locus.

Print Bookmark and Share

Return to previous page

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Se non si modificano le impostazioni del browser e\o si prosegue con la navigazione, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo