Sottoscrivi il nostro feed RSS per poter ricevere informazioni aggiornate sulle cellule staminali!
 
Baby Voice, la prima App per iPhone con cui potrai ascoltare il battito cardiaco del bimbo che porti in grembo. L'applicazione è scaricabile gratutitamente da iTunes grazie alla collaborazione di Sorgente


Hai dei dubbi o vorresti proporre un argomento? Contattaci cliccando qui. Il nostro staff sarà lieto di soddisfare le tue richieste.
martedì 25 giugno 2019
  |   Accedi
News

Matching HLA A, B,C, DRB1 in trapianti di sangue cordonale in pazienti con leucemia e mielodisplasie

Normalmente, nell'ambito di trapianti allogenici, la compatibilità del donatore viene valutata mediante tipizzazione HLA-A, HLA-B e HLA-DRB1, senza valutare un'eventuale matching del locus HLA-C. In questo studio clinico retrospettivo è stata valutata l'importanza del matching HLA-C, analizzando gli esiti clinici di trapianti di sangue cordonale da donatore non familiare in una popolazione di 803 pazienti affetti da leucemia e sindromi mielodisplastiche. Il rischio di mortalità correlato a trapianto è risultato maggiore dopo trapianto di unità matched per i locus HLA A, B e DRB1 e non matched per HLA-C rispetto all'infusione di unità HLA A, B, C e DRB1 matched. Tale rischio, inoltre, è risultato anche maggiore dopo trapianto di unità con un singolo mismatch per i locus HLA A, B e DRB1 e con HLA-C mismatched rispetto a quanto derivante dal trapianto di unità con singolo mismatch per i locus HLA A, B e DRB1 e con HLA-C matched. I risultati ottenuti indicano che le attuali strategie utilizzate per la definizione dei campione compatibili da utilizzare in corso di trapianti allogenici di sangue del cordone ombelicale, devono essere riviste in quanto la presenza di matching per il locus HLA-C, sia in caso di matching per i locus HLA A, B e DRB1 o di un singolo mismatch per i medesimi loci, riduce il rischio di mortalità correlato trapianto.

Fonte: Lancet Oncology 

Normalmente, nell'ambito di trapianti allogenici, la compatibilità del donatore viene valutata mediante tipizzazione HLA-A, HLA-B e HLA-DRB1, senza valutare un'eventuale matching del locus HLA-C. In questo studio clinico retrospettivo è stata valutata l'importanza del matching HLA-C, analizzando gli esiti clinici di trapianti di sangue cordonale da donatore non familiare in una popolazione di 803 pazienti affetti da leucemia e sindromi mielodisplastiche. Il rischio di mortalità correlato a trapianto è risultato maggiore dopo trapianto di unità matched per i locus HLA A, B e DRB1 e non matched per HLA-C rispetto all'infusione di unità HLA A, B, C e DRB1 matched. Tale rischio, inoltre, è risultato anche maggiore dopo trapianto di unità con un singolo mismatch per i locus HLA A, B e DRB1 e con HLA-C mismatched rispetto a quanto derivante dal trapianto di unità con singolo mismatch per i locus HLA A, B e DRB1 e con HLA-C matched. I risultati ottenuti indicano che le attuali strategie utilizzate per la definizione dei campione compatibili da utilizzare in corso di trapianti allogenici di sangue del cordone ombelicale, devono essere riviste in quanto la presenza di matching per il locus HLA-C, sia in caso di matching per i locus HLA A, B e DRB1 o di un singolo mismatch per i medesimi loci, riduce il rischio di mortalità correlato trapianto.

Fonte: Lancet Oncology 

Print Bookmark and Share

Return to previous page

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Se non si modificano le impostazioni del browser e\o si prosegue con la navigazione, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo