Somministrazione di Sirolimus post HSCT e valutazione dell'insorgenza di GvHD

Categories: News | Author: Sara | Posted: 13/04/2015 | Views: 1396
Efficaci strategie farmacologiche impiegate nel trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche (HSCT), dovrebbero prevenire l'insorgenza di gravi graft vs host disease (GvHD) cronica e facilitare la tolleranza immunitaria del donatore-beneficiario.
Sulla base della dimostrata attività benefica, sirolimus (rapamicina) è un agente farmacologico che si auspica raggiungere questi obiettivi. 

Efficaci strategie farmacologiche impiegate nel trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche, dovrebbero prevenire l'insorgenza di gravi graft vs host disease cronica e facilitare la tolleranza immunitaria del donatore-beneficiario.
Sulla base della dimostrata attività benefica, sirolimus (rapamicina) è un agente farmacologico che si auspica raggiungere questi obiettivi. 
In un lungo periodo di follow-up nel contesto di uno studio randomizzato di fase II in cui è stata confrontata l'incidenza, post trapianto di staminali allogeniche correlato, di GvHD in pazienti trattati con sirolimus/tacrolimus vs metotressate/tacrolimus, Joseph Pidala e colleghi hanno esaminato l'impatto della somministrazione prolungata sirolimus (≥ 1 anno post-trapianto). 
Il follow up tempo mediano per la sopravvivenza dei pazienti al momento di questa analisi è stato di 41 mesi (range 27-60) per sirolimus/tacrolimus e 49 mesi (range 29-63) per metotressato/tacrolimus. 
Pazienti trattati con sirolimus/tacrolimus hanno avuto più bassa NIH e moderata-grave graft vs host disease cronica (34% vs. 65%, p = 0,004) e si è notato un ritardo nell'insorgenza di graft vs host disease acuta (20% vs. 43%, p = 0,04).
L'amministrazione prolungata di sirolimus rappresenta un valido approccio per ridurre il rischio di moderata-grave GvHD acuta e cronica e per indurre un ritardo nella sua insorgenza. Sono necessari ulteriori studi.

Fonte: Doi: 10,3324 / haematol.2015.123588