Cellule staminali ematopoietiche per il trattamento del linfoma CNS primario

Categories: News | Author: Sara | Posted: 12/01/2015 | Views: 1230
Il Linfoma primario del sistema nervoso centrale (PCNSL) è un tipo di tumore raro e maligno. Approcci di trattamento consolidati includono la chemioterapia basata su metotressato ad alto dosaggio (HD-MTX) e radioterapia su tutto il cervello (WBRT). La WBRT è associata a neurotossicità rilevante; il trapianto con cellule staminali ematopoietiche autologhe (ASCT) è stato proposto come trattamento alternativo, sia in 1 ° linea dopo HD-MTX o come trattamento di salvataggio in caso di recidiva di PCNSL o tumore refrattario.

Il Linfoma primario del sistema nervoso centrale (PCNSL) è un tipo di tumore raro e maligno. Approcci di trattamento consolidati includono la chemioterapia basata su metotressato ad alto dosaggio (HD-MTX) e radioterapia su tutto il cervello (WBRT). La WBRT è associata a neurotossicità rilevante; il trapianto con cellule staminali ematopoietiche autologhe (ASCT) è stato proposto come trattamento alternativo, sia in 1 ° linea dopo HD-MTX o come trattamento di salvataggio in caso di recidiva di PCNSL o tumore refrattario.

Il gruppo di Marija Bojic riporta l’esperienza avuta con cinque pazienti di PCNSL, che avevano raggiunto una risposta obiettiva dopo la terapia d’induzione a base di alte dosi di methotrexate e consecutivamente avevano ricevuto una chemioterapia ad alte dosi, contenente carmustina e thiotepa, seguita da trapianto con cellule staminali ematopoietiche autologhe ASCT.

I risultati di tale approccio terapeutico sono stati i seguenti: tre dei cinque pazienti in remissione completa continua e quattro su cinque pazienti vivi dopo un follow-up medio di otto mesi.
Questi dati così come altri risultati pubblicati in precedenza, dimostrano che ASCT è una possibilità di trattamento sicura, in grado di indurre remissioni del tumore nei pazienti con PCNSL.

Tuttavia, sono necessari successivi studi clinici controllati per confrontare l'efficacia a lungo termine e la tollerabilità di ASCT con altri approcci terapeutici e anche per stabilire la sequenza ottimale di regimi di trattamento in pazienti PCNSL.

Fonte: DOI: 10.1111 / ejh.12482