Infezioni fungine e virali dopo trapianto allogenico: migliorare i risultati nel tempo

Categories: News | Author: Sara | Posted: 05/11/2014 | Views: 1190
Il sangue del cordone ombelicale (CB) è sempre più utilizzato come fonte alternativa di cellule staminali nel trapianto allogenico. Anche se gli studi riportati mostrano dei risultati complessivi simili comparando i trapianti di midollo osseo (BM)/sangue periferico(PB) con quelli di sangue cordonale, gli studi comparativi incentrati sulla presenza infezioni gravi e di infezioni-RM (IRM) con lungo follow-up sono ancora scarsi.

Il sangue del cordone ombelicale (CB) è sempre più utilizzato come fonte alternativa di cellule staminali nel trapianto allogenico. Anche se gli studi riportati mostrano dei risultati complessivi simili comparando i trapianti di midollo osseo (BM)/sangue periferico(PB) con quelli di sangue cordonale, gli studi comparativi incentrati sulla presenza infezioni gravi e di infezioni-RM (IRM) con lungo follow-up sono ancora scarsi.

Un totale di 434 trapianti allogenici consecutivi (tra gli anni 1997-2009) sono stati analizzati retrospettivamente dal gruppo di R.Parodia, per confrontare il risultato complessivo, l’incidenza e fattori di rischio di infezioni fungine invasive e infezioni virali gravi in CB (n = 65) verso destinatari di trapianto di cellule da BM/PB (n = 369).
Il tasso di Overall survival a 5 anni è stato calcolato di 38 verso 43%, rispettivamente (p = 0.2). Il trapianto di sangue del cordone ombelicale (CBT) è stato associato ad un più alto rischio di aspergillosi invasiva (incidenza cumulativa a 100-giorni: 16 vs 6%, p = 0,04) e di infezione da Citomegalovirus.
Non sono state trovate differenze significative per quanto riguarda NRM (NRM del 38% in CB vs 37% in BM/PB a 1 anno), né IRM (30% vs 27% CB in BM / PB a 1 anno). Nella popolazione generale, NRM e IRM sono molto migliorati recentemente.
Negli adulti che ricevono un singolo CBT, il rischio di infezioni gravi è aumentato rispetto ai destinatari di trapianto di BM/PB, ma nonostante questo la mortalità da infezioni risulta comunque simile, con conseguente NMR analogo e, infine, tasso sopravvivenza simile.

Fonte: Bone Marrow Transplant. 2014 Oct 27. doi: 10.1038/bmt.2014.229.