Baby Voice, la prima App per iPhone con cui potrai ascoltare il battito cardiaco del bimbo che porti in grembo. L'applicazione è scaricabile gratutitamente da iTunes grazie alla collaborazione di Sorgente

Sottoscrivi il nostro feed RSS per poter ricevere informazioni aggiornate sulle cellule staminali!

Hai dei dubbi o vorresti proporre un argomento? Contattaci cliccando qui. Il nostro staff sarà lieto di soddisfare le tue richieste.

lunedì 21 aprile 2014
Annuncio pubblicitario
Conservazione cellule staminali del cordone ombelicale?
Scegli la qualità di Sorgente. La banca scelta da Elisabetta Gregoraci e Max Biaggi.
www.sorgente.com
Dove si trovano le cellule staminali
Le cellule staminali del cordone ombelicale In base all’origine, è possibile dividere le cellule staminali in tre categorie principali:
  1. Cellule staminali embrionali:

    Derivano dalle prime fasi di sviluppo dello zigote, localizzandosi all’interno della blastocisti. Le cellule staminali embrionali sono caratterizzate dalla capacità di differenziarsi in tutte le linee cellulari proprie di un individuo completamente formato. Tuttavia, l’utilizzo delle cellule staminali embrionali è vincolato a due importanti problematiche: la prima è legata alle difficoltà tecniche relative al loro raccolta, la seconda è di natura etica in quanto l’ottenimento di una cellula staminale embrionale comporta la distruzione di un embrione. 

  2. Cellule staminali del cordone ombelicale:

    Le cellule staminali del cordone ombelicale sono cellule progenitrici multipotenti indifferenziate capaci di rigenerarsi autonomamente per numerosi cicli replicativi. Esse vengono raccolte alla nascita dal sangue cordonale (60-100 cc di sangue estraibile da un singolo cordone) seguendo procedure di raccolta non invasive che non sottopongono mai il donatore a rischi sia procedurali che infettivi. La popolazione di cellule staminali cordonali è eterogenea in quanto consta di diversi tipi di staminali:
    • Cellule staminali cordonali simil-embrionali, capaci di differenziare verso tessuti endodermici (ad esempio polmone), mesodermici (come il cuore) ed ectodermici (ad esempio il sistema nervoso)

    • Cellule staminali cordonali mesenchimali, in grado di originare tessuto cartilagineo, adiposo, osseo, cellule nervose e mesoderma viscerale

    • Cellule staminali cordonali ematopoietiche, capaci di specializzarsi in cellule del midollo osseo e del sangue

    • Cellule staminali cordonali endoteliali, in grado di formare vasi sanguigni.

  3. Cellule staminali adulte:

    Sono cellule virtualmente presenti in tutti gli organi e tessuti di un organismo già differenziato. La funzione principale svolta da questa classe cellulare è quella di sostituire le cellule morte a o causa del normale turn-over cellulare o inseguito a ferite o determinate condizioni patologiche. Le più importanti cellule staminali adulte sono quelle ematopoietiche e quelle mesenchimali. Le prime sono contenute nel midollo osseo ed originano tutte le cellule del sangue mentre le seconde, riscontrabili non solo nel midollo osseo ma anche nel tessuto adiposo, nel pancreas ed in altre sedi, possono differenziarsi in tessuto cartilagineo, osseo ed adiposo. Il loro recupero viene effettuato mediante una procedura invasiva che può esporre il donatore a rischi sia procedurali che infettivi.

Prosegui con: A cosa servono