Baby Voice, la prima App per iPhone con cui potrai ascoltare il battito cardiaco del bimbo che porti in grembo. L'applicazione è scaricabile gratutitamente da iTunes grazie alla collaborazione di Sorgente
  
  

Sottoscrivi il nostro feed RSS per poter ricevere informazioni aggiornate sulle cellule staminali!

Hai dei dubbi o vorresti proporre un argomento? Contattaci cliccando qui. Il nostro staff sarà lieto di soddisfare le tue richieste.
domenica 10 dicembre 2017
  |   Accedi
Leggi i contenuti che seguono ed approfondirai la tua conoscenza sulle cellule staminali
In questa sezione troverai dettagliati approfondimenti scientifici sulle cellule staminali da cordone ombelicale; in particolare, nei contenuti che proporremo verrà dato risalto agli aspetti clinici e sperimentali. Ti invitiamo a rimanere sempre aggiornato sulle novità dal mondo delle cellule staminali consultando periodicamente questa pagina o sottoscrivendo gratuitamente il feed rss che potrai anche includere nel tuo sito web.
Approfondimenti

Le cellule staminali del cordone ombelicale hanno trovato applicazione come trattamento terapeutico di diverse patologie ed il loro utilizzo è stato proposto sia in forma allogenica che autologa. Uno studio di lunga durata, in cui sono stati analizzati gli esiti relativi al trapianto di cellule staminali da midollo osseo (autologhe, relate ed unrelated)  e cordone ombelicale (unrelated) in 623 pazienti affetti da leucemia linfoblastica acuta, ha evidenziato che il trapianto di cellule staminali unrelated induce risultati simili a quanto ottenuto con cellule midollari related o “well matched”, sia in termini di sopravvivenza globale che di sopravvivenza libera da leucemia (1). In aggiunta, in uno studio prospettico in cui 90 pazienti, per lo più affetti da leucemia mieloide acuta, hanno ricevuto trapianto o di midollo osseo da donatore compatibile  (n=47) o di cellule staminali cordonali da donatore non imparentato (n=43), ha mostrato che la somministrazione di staminali del cordone ombelicale comporta un minor rischio di insorgenza di “malattia del trapianto verso l’ospite” (GVHD) ad 1 anno dal trattamento rispetto alle staminali midollari (2). Recentemente, è stato eseguito uno studio multicentrico retrospettivo riguardante il trattamento di 64 bambini, affetti da sindromi ereditarie di insufficienza del midollo osseo, sottoposti a trapianto di cellule staminali del cordone ombelicale da donatore familiare e non familiare (3). I risultati di questo studio indicano che l’utilizzo di staminali cordonali rappresenta una importante opzione terapeutica nella cura di quei pazienti che non hanno a disposizione un donatore fratello compatibile.

Continua a leggere
Pagina 3 di 3Primo   Precedente   1  2  [3]  Prossimo   Ultimo   

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Se non si modificano le impostazioni del browser e\o si prosegue con la navigazione, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo